Partiamo dall’Agro Aversano, dove sono partite il 14 maggio da Castel Volturno le attività dei  “Punti di Riferimento del Cittadino (PRC)” , tesi ad accogliere le richieste di aiuto dei cittadini che abbiano subito una qualche forma di discriminazione e  a individuare, grazie alle reti di soggetti pubblici e privati che hanno aderito al progetto, l’adeguato percorso di sostegno per ogni esigenza.

Il progetto, ridenominato NoDi in comune (un acronimo che richiama il No alla Discriminazione alla base dell’idea progettuale, ma anche i “nodi” della rete al servizio del cittadino), sarà attivo presso le sedi dei quattro comuni che hanno aderito all’iniziativa: il martedì dalle 15:30 alle 18:00 a Castel Volturno (in P.zza Annunziata n. 1) con l'associazione A.R.Ca.; il mercoledì dalle 15:00 alle 17:30 a Frignano (presso la Sala Consiliare, Corso Vittorio Emanuele II n. 78), con le associazioni Il Coraggio di Briciola e Associazione Mamme Coraggio; il giovedì 15:30 – 18:00 a San Cipriano d’Aversa (in Via Virgilio n. 6) con le associazioni Omnia, Nella Rete e SIAM; il mercoledì dalle 15:30 alle 18:00 a Teverola (Atrio Comunale, Via Cavour n .1) con le associazioni Vinci e Sì Teverola.

Possono accedere al servizio singoli cittadini, familiari, parenti o componenti della rete informale (es. vicinato), da un tutore giuridico, da Servizi sanitari (UO ospedaliere, UO distrettuali ecc, da servizi sociali). Per ciascun soggetto preso in carico sarà elaborato un progetto Educativo Individualizzato (PEI) a cura di una equipe qualificata composta da Assistente sociale, psicologo, legale e mediatore culturale.

Parteciperanno alle attività, in collaborazione con le OdV già citate e i comuni che hanno fornito gli spazi  le Cooperative Sociali Agropoli e Davar e le APS Patatrac e Comitato don Peppe Diana.

Si allega la brochure