Si ricorda che è possibile pubblicare le proprie attività sulla newsletter quindicinale del CSV Asso.Vo.Ce. inviando un'e-mail all'indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. entro le ore 19.00 della giornata antecedente alla pubblicazione della stessa, indicando titolo dell'iniziativa, data, luogo e finalità dell'incontro.

È caldamente raccomandato l’uso del modello qui in allegato.

Potranno essere allegati al messaggio comunicati stampa, brochure, locandine, etc.

Per ragioni logistiche, chiediamo di indicare sempre i recapiti di chi promuove l'iniziativa: questi potranno essere utilizzati sia dalla Referente d'area (che si riserva la facoltà di contattare gli organizzatori per raccogliere ulteriori informazioni) che essere pubblicati in calce alla notizia pubblicizzata (qualora il referente dell'attività non desiderasse che i propri contatti vengano citati in newsletter dovrà espressamente indicarlo, fornendo, se è possibile, riferimenti alternativi).

Le associazioni potranno inoltre pubblicare autonomamente le proprie iniziative sulla Banca Dati delle associazioni di volontariato casertane (LINK) utilizzando username e password forniti dal CSV Asso.Vo.Ce.

Chi avesse difficoltà ad accedere al portale o non avesse ricevuto i propri dati identificativi può contattare il CSV e chiedere assistenza al tecnico informatico Giuseppe Giaquinto.

La prossima newsletter sarà pubblicata venerdì 27 novembre.

COVID E VOLONTARIATO

Il CSV offre Kit dispositivi di protezione individuale alle ODV. Termine per la presentazione delle richieste: ore 12,00 del 30 novembre 2020

Per maggiori informazioni:

 

Il recente incremento di contagi da Covid 19 sul territorio nazionale ha richiesto con il DPCM del 13 ottobre 2020 (aggiornato al 18/10) un inasprimento delle misure di sicurezza già precedentemente in vigore. Dalla mascherina portata anche all’aperto alle limitazioni di orario per determinate attività – passando per le limitazioni agli spostamenti tra province in Campania – sono diverse le accortezze da applicare in questo momento così delicato. Obiettivo comune è quello di evitare un nuovo lockdown: lo dimostra l’aggiornamento delle Linee Guida per la gestione in sicurezza di opportunità organizzate di socialità e gioco per bambini e adolescenti nella fase 2 dell’emergenza COVID, che richiama enti del Terzo Settore e centri di aggregazione a un rinnovato senso di responsabilità al rispetto delle norme, ma anche l’attenzione che realtà associative grandi e piccole stanno dedicando ai temi della sicurezza.

Il CSV Asso.Vo.Ce. nelle scorse settimane ha avviato una consultazione rivolta a tutti i volontari degli ETS della provincia di Caserta per analizzare i bisogni a seguito della pandemia da Covid-19 ed una delle emergenze rilevate è quella di fornire i volontari di DPI certificati per poter svolgere in sicurezza le mansioni assegnate. È stato pertanto attivato, nell’ambito del Piano Attività 2020 , per le associazioni di volontariato, il servizio logistico di:

“Kit dispositivi di protezione individuale”.

Il servizio è destinato a tutte le associazioni iscritte e non iscritte al Registro Regionale del volontariato della provincia di Caserta e prevede, per tutte le associazioni che ne facciano richiesta, la fornitura,  fino a dicembre 2020, del materiale secondo i pacchetti qui di seguito descritti:

  • Pacchetto A) Pacco da 100 mascherine chirurgiche + Pacco di guanti monouso 200 pezzi + N: 2 Flaconi gel disinfettante per mani da 5 litri ciascuno
  • Pacchetto B) Pacco da 50 mascherine chirurgiche + Pacco di guanti monouso 100 pezzi + N: 1 Flacone gel disinfettante per mani da 5 litri
  • Pacchetto C) Pacco da 100 mascherine chirurgiche
  • Pacchetto D) Pacco di guanti monouso 200 pezzi
  • Pacchetto E) N: 2 Flaconi gel disinfettante per mani da 5 litri ciascuno.

Le ODV faranno richiesta dei  pacchetti compilando il form allegato unitamente al quale andrà consegnato :

  • Statuto ed Atto costitutivo dell’ODV (se non già in possesso del CSV Asso.Vo.Ce.).
  • Decreto di iscrizione al registro regionale del volontariato (se trattasi di ODV iscritta)
  • Autocertificazione del numero dei volontari continuativi dell’ODV sottoscritto dal Legale rappresentante.
  • Relazione sulle attività che l’ODV intende realizzare nel trimestre successivo all’istanza.

 

Le OdV potranno richiedere uno o più pacchetti tra quelli indicati, specificando la quantità necessaria per ognuno di essi: sarà poi il CSV a valutarne il numero massimo assegnabile a seguito dell’istruttoria dell’istanza, in base alle risorse disponibili e alle richieste che saranno presentate dalle singole OdV.

Il CSV si riserva la facoltà di revocare l’approvazione della richiesta di servizi logistici, nel caso di imprevisti o impossibilità sopravvenuta della prestazione dandone comunicazione motivata al richiedente. Inoltre il CSV si riserva la facoltà di non concedere il servizio qualora la richiesta sia ritenuta non pertinente e riconducibile ad attività di volontariato.

Il servizio logistico di distribuzione dei DPI sarà mantenuto fino ad esaurimento del relativo capitolo di spesa del Bilancio preventivo 2020 di Asso.Vo.Ce.

La domanda ed i suoi allegati devono essere contenuti in un unico plico chiuso, o inviati come allegati pdf di posta certificata. All’esterno della busta, o come oggetto della mail, deve essere riportata la dicitura: “KIT DPI”Il plico contenente la domanda  e la relativa documentazione dovrà pervenire, a pena di esclusione, entro le ore 12 del 30 novembre 2020, a mano o via posta al seguente indirizzo: CSV Asso.Vo.Ce. Via La Rosa, 47 81024 Maddaloni (Farà fede il timbro dell’ufficio postale accettante), o alternativamente per Posta Certificata all’indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.   

L’invio del plico è a totale ed esclusivo rischio del mittente ove per qualsiasi motivo lo stesso non giunga a destinazione in tempo utile e/o integro in ogni sua parte.

Il CSV Asso.Vo.Ce. non assume responsabilità per la dispersione di comunicazioni dipendente da inesatta indicazione del recapito da parte del concorrente oppure dalla mancata o tardiva comunicazione del cambiamento dell'indirizzo indicato nella domanda, né per eventuali disguidi postali o telegrafici o comunque imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o a forza maggiore.

Per maggiori informazioni:

 

REGIONE CAMPANIA

 

Obblighi in materia di adempimenti annuali o biennali: si ricorda la proroga al 30 novembre per l’invio della documentazione

Si ricorda alle organizzazioni di volontariato,  alle Associazioni di promozione sociale ed alle Cooperative sociali, iscritte nei rispettivi registri e albo regionali che la Direzione generale per le politiche sociali e socio-sanitarie, visto il terzo comma dell’articolo 35 del Decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18 recante “Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19” ha rinviato la scadenza per gli obblighi in materia di adempimenti annuali o biennali entro il 30 novembre 2020.

 

Per i ODV aventi sede legale nella provincia di Caserta il riferimento da contattare è:

Centro Servizi Sociali di Caserta

Viale Carlo III, 153 c/o ex CIAPI – 81020 San Nicola la Strada (CE)

tel. 0823 554.344

e-mail  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.%20">Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

Per l’invio della documentazione, è possibile adoperare la pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Per quanto concerne la documentazione da presentare, le ODV iscritte nel Registro Regionale nell’anno 2018, oppure quelle che hanno presentato le documentazioni per il mantenimento del requisito di iscrizione (rinnovo biennale) nell’anno 2018, la documentazione da presentare è la seguente:

  1. a) Istanza per rinnovo e mantenimento del requisito;
  2. b) Dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà resa ai sensi dell'art. 47 del DPR n. 445/2000 attestante il permanere dei requisiti previsti per la iscrizione dell'organizzazione nel registro;
  3. c) Elenco nominativo degli aderenti che ricoprono le cariche associative sottoscritto dal Legale Rappresentante;
  4. d) Dichiarazione sostitutiva del certificato del casellario giudiziario e dei carichi pendenti resa dagli aderenti che ricoprono cariche associative in forma di autocertificazione ai sensi dell'art. 46 DPR 445/2000 nonché copia del documento di riconoscimento di ciascun dichiarante;
  5. e) Relazione sottoscritta dal Legale Rappresentante delle attività svolte nel biennio 2018-2019;
  6. f) Relazione sottoscritta dal legale rappresentante illustrativa delle modalità di svolgimento delle attività che l'organismo associativo intende svolgere nell’anno in corso;
  7. g) Documentazione relativa alle entrate di cui all'art. 5, comma 1, della L. n. 266/1991 con l'indicazione nominativi dei soggetti eroganti per gli anni 2018 e 2019;
  8. h) Elenco delle convenzioni stipulate con lo Stato, la Regione, gli enti locali e con altri enti pubblici ai sensi dell'art. 7 della L. n. 266/91 per gli anni 2018 e 2019;
  9. i) Copia conforme dei bilanci economici consuntivi relativi all’anno 2018 e 2019, con i verbali di assemblea nelle quali detti bilanci sono stati approvati;
  10. j) Copia del libro soci;
  11. k) Copia della polizza assicurative relative ai propri aderenti che prestano attività di volontariato contro gli infortuni e le malattie connessi allo svolgimento dell'attività stessa e per la responsabilità civile verso i terzi, secondo quanto disposto dal Codice del Terzo Settore (Decreto Legislativo n. 117/2017).

Per la modulistica per le odv, consigliamo di consultare il sito  del CSV Asso.Vo.Ce: https://www.csvassovoce.it/public/Iscrizione_registro_regionale.zip

Si rimanda alle sezioni specifiche del sito della Regione Campania per gli adempimenti relativi a Cooperative Sociali: http://regione.campania.it/regione/it/tematiche/albo-regionale-delle-cooperative-sociali

e per associazioni di promozione sociale http://regione.campania.it/regione/it/tematiche/registro-regionale-della-promozione-sociale

Il CSV resta a disposizione per consulenze e chiarimenti.

OPPORTUNITÀ PER ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO

CON I BAMBINI

“Comincio da zero”: il nuovo bando per la prima infanzia (scadenza 4 dicembre 2020)

La Fondazione Con i Bambini pubblica nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile il bando “Comincio da zero”, finalizzato ad incrementare l’offerta di servizi educativi e di cura per la prima infanzia, con particolare riferimento alla fascia 0-3 anni.

Il bando si rivolge a partenariati promossi dal mondo del Terzo settore di almeno tre organizzazioni: due enti non profit, di cui uno con il ruolo di “soggetto responsabile”, e almeno un altro ente, che potrà appartenere anche al mondo della scuola, delle istituzioni, dei sistemi regionali di istruzione e formazione professionale, dell’università, della ricerca e al mondo delle imprese.

Le proposte presentate dovranno prevedere interventi volti a incrementare e qualificare le possibilità di accesso e fruibilità dei servizi di cura ed educazione dei bambini nella fascia di età 0-6 anni e delle loro famiglie, in particolare quelle più fragili.0

Sarà importante sviluppare iniziative che prevedano l’integrazione di tutti i servizi per la prima infanzia, adottando un approccio multidimensionale (servizi educativi, sanitari, sociali, culturali, legali, ecc.) capace di rispondere in modo flessibile e integrato ai diversi bisogni dei bambini e delle famiglie, ampliare l’offerta e superare la frammentazione, nell’ottica di una presa in carico globale e di welfare comunitario. Per tali motivi, è fortemente auspicata l’integrazione dei nuovi servizi educativi con i piani di zona, anche nell’ottica di favorire la loro continuità. Le iniziative dovranno, inoltre, prevedere azioni di sostegno e potenziamento della genitorialità, della maternità e della conciliazione famiglia – lavoro, e azioni di rafforzamento delle relazioni, del ruolo, delle competenze e delle professionalità di tutti gli attori della “comunità educante” coinvolti nel processo educativo.

I progetti potranno avere una dimensione regionale (con un plafond complessivo dedicato pari a 22 milioni di euro) oppure interregionale (con un plafond complessivo pari a 8 milioni di euro), prevedendo in questo caso interventi al Nord, al Centro e al Sud. Complessivamente, sono a disposizione 30 milioni di euro.

I progetti devono essere presentati esclusivamente on line, attraverso la piattaforma Chàiros entro il 4 dicembre 2020. Le proposte valutate positivamente saranno sottoposte ad un’ulteriore fase di progettazione esecutiva in collaborazione con gli uffici di Con i Bambini, al termine della quale si procederà all’eventuale assegnazione del contributo.

Il Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile nasce da un’intesa tra le Fondazioni di origine bancaria rappresentate da Acri, il Forum Nazionale del Terzo Settore e il Governo. Sostiene interventi finalizzati a rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale che impediscono la piena fruizione dei processi educativi da parte dei minori. Per attuare i programmi del Fondo, a giugno 2016 è nata l’impresa sociale Con i Bambini, organizzazione senza scopo di lucro interamente partecipata dalla Fondazione CON IL SUD. Con i Bambini ha pubblicato ad oggi dieci bandi, selezionando complessivamente 355 progetti in tutta Italia, con un contribuito di circa 281 milioni di euro. Gli interventi coinvolgono oltre 480.000 bambini e ragazzi, insieme alle loro famiglie, che vivono in condizione di disagio, interessando direttamente circa 6.600 organizzazioni, tra Terzo settore, scuole, enti pubblici e privati.

Per informazioni:

https://www.conibambini.org/comincio-da-zero-il-nuovo-bando-per-la-prima-infanzia/   

 CONTRASTO ALLA POVERTÀ EDUCATIVA

Contributi per Mezzogiorno, Lombardia e Veneto. Scadenza: ore 12,00 del 12 gennaio 2021

L’Agenzia per la Coesione Territoriale avvia una  procedura di selezione di proposte per la concessione di contributi, a valere sulle risorse del Fondo per lo sviluppo e la coesione, per la realizzazione di progetti di interventi socio-educativi a favore  di minori compresi nelle fasce d’età 0-6 anni, 5-14 anni e 11-17 anni di durata compresa tra i 24 e i 48 mesi.

I progetti proposti dovranno essere attuati in luoghi circoscritti delle regioni del Mezzogiorno (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia) o delle regioni Lombardia e Veneto, caratterizzati da disagio socio-economico e difficoltà nell’accesso, adeguata fruizione o permanenza in percorsi educativi di minori, per motivi di contesto sociale, familiare e fragilità individuale.

Per quanto concerne i progetti inerenti le regioni del Mezzogiorno, questi potranno essere presentati da partnership costituite, a pena di esclusione, da un minimo di tre soggetti, almeno due dei quali dovranno essere Enti del Terzo Settore ai sensi del D.Lgs. 117/17.  Potranno presentare proposte associazioni con almeno due anni di anzianità e già operanti nel settore di intervento previsto dall’Avviso.

Il contributo richiesto dovrà essere compreso tra un minimo di 250mila euro e un massimo di 500mila euro, al quale andrà aggiunta la soglia di cofinanziamento a carico dei soggetti della partnership pari almeno al 5% del costo complessivo ammissibile del progetto.

La domanda di ammissione al finanziamento deve essere redatta compilando correttamente ed integralmente sul portale https://terzosettore.agenziacoesione.gov.it domanda di partecipazione, atto  di delega  e proposta progettuale.

Alla domanda di partecipazione dovranno essere inoltre allegati, a pena di esclusione Atto costitutivo (nella forma di atto pubblico o scrittura privata autenticata o registrata) e statuto autenticato del soggetto responsabile, nonché gli ultimi due bilanci d’esercizio (o rendiconti finanziari) approvati del soggetto proponente (2018 e 2019).

Le proposte dovranno essere quindi inviate, sempre per via telematica,  fino al giorno 12/01/2021 (h 12:00’:00’’).

Per ulteriori informazioni:

https://www.agenziacoesione.gov.it/poverta-educativa-finanziamenti/contrasto-alla-poverta-educativa-regioni-del-mezzogiorno/

L’AGENDA DELLE ASSOCIAZIONI

SIAMO TUTTI UNO e A.NA.F.FF.AA.PP. UNITALIA ONLUS

 

Le attività in corso per l’emergenza Covid

Le Associazioni SIAMO TUTTI UNO e A.NA.F.FF.AA.PP. UNITALIA ONLUS, in virtù della seconda ondata di contagio del COVID-19, edil considerevole aumento dei casi di contagio e positività sul territorio di Cellole e   Sessa Aurunca, soprattutto in alcune frazioni di quest’ultima, dove il numero di contagiati in rapporto agli abitanti è molo rilevante,e che stanno mettendo in crisi il sistema sanitario locale, dalla fine di Ottobre hanno attivato una serie di iniziative a supporto della popolazione locale, con priorità alle fasce più deboli.

Le Iniziative intraprese sono:

  • Un Video appello per far fronte all’emergenza COVID-19 di seguito il link:

https://www.facebook.com/siamotuttiuno2/videos/1637465293093830

  • Attivazione dello Sportello di CONSULENZA PSICOLOGICA ON-LINE GRATUITA

https://www.facebook.com/siamotuttiuno2/posts/3672940589404601

 

  • IO NON MI NASCONDO MA PROTEGGO GLI ALTRI, iniziativa di sensibilizzazione per far comunicare tempestivamente il caso di positività al fine di far attivare le dovute precauzioni dal contagio,

https://www.facebook.com/siamotuttiuno2/posts/3677882285577098

 

  • SANIFICAZIONE ALLA FRAZIONE DI PIEDIMONTE DI SESSA AURUNCA, poiché è una delle frazioni più colpite dal Virus “SARS-COV2”

https://www.facebook.com/siamotuttiuno2/posts/3680732485292078

 

 

  • SPORTELLO ON LINE DI SUPPORTO INFORMATIVO, per le persone che vogliono ricevere informazioni basi, per le dovute precauzioni da prendere per evitare il contagio, e le precauzioni in caso di positività all’interno del nucleo familiare

https://www.facebook.com/siamotuttiuno2/posts/3684163318282328

 

  • SUPPORTO A DOMICILIO, per far portare la spesa alimentare a casa e farmaci, per chi in questo momento non può uscire da casa, per tutelarsi dal Contagio

https://www.facebook.com/siamotuttiuno2/posts/3684443388254321

 

inoltre Le Associazioni sono in piena attività per la fornitura di ulteriori mascherine e di altri supporti per far fronte e limitare il contagio.

Fonte: Comunicato stampa

CASERTA SOLIDALE – COMITATO PER PARCO DEGLI ARANCI

                           

Beni comuni: approvato il patto di collaborazione per la villetta di Parco degli Aranci.

Il 15 novembre si inaugura il Gioco di Chiara

La Giunta del Comune di Caserta ha approvato il Patto di Collaborazione per la Villetta Di Parco Degli Aranci: dopo mesi vede la luce un accordo che vedrà l’inaugurazione domenica 15 novembre del primo percorso ludico-educativo inclusivo della città, “Il Gioco di Chiara”.

Sono previsti:

-Un percorso gioco connumeri, lettere, lingue, note musicali, forme e colori per aiutare i bambini nell’apprendimento delle nozioni base

-Laboratori sensoriali con Idea Chiara Teatro Sociale Olistico e Happy Hand on The Road, per imparare a mettersi nei “panni dell’altro”

- Laboratorio musicale con Musicaperta MusicTherapy

Questo percorso verrà dedicato a Chiara Tarallo, scomparsa un anno e mezzo fa. Chiara non parlava, non si muoveva, non gesticolava, era attanagliata ogni giorno da farmaci, crisi epilettiche e impossibilità in tante altre cose, eppure comunicava e aiutava il mondo ad essere migliore. Chiara ha lasciato una grande eredità: Ideachiara. Per gli altri, siano essi disabili o meno,Ideachiara proverà a regalare sostegno e solidarietà nella vita attraverso l' arte

Per partecipare all’evento del 15 novembre  è OBBLIGATORIA LA PRENOTAZIONE al 3478442167 o al 3456110148:due fasce orarie (10-11.30 e 11.30-13) e l’alternarsi delle attività permetteranno il distanziamento e al tempo stesso la socialità

Per informazioni: https://www.facebook.com/events/789407448291622/

SÌ TEVEROLA

In città arriva il Banco Alimentare

TEVEROLA – Via libera alla convenzione con il Banco Alimentare per dare un aiuto concreto alle famiglie messe in grande difficoltà dall’emergenza Coronavirus. Nella serata di ieri, Si Teverola Odv, ha sottoscritto la convenzione con il Banco Alimentare attraverso cui si provvederà alla distribuzione di un cospicuo numero di pacchi alimentari dal mese di dicembre e per tutto il 2021 con cadenza mensile.
L’obiettivo del sodalizio è potenziare e organizzare i volontari locali per passare da episodi “assistenziali” sporadici ad una assistenza duratura e continua sulla quale le persone più bisognose possano avere un punto di riferimento.
È importante, quindi, che le persone indigenti sentano un sostegno sicuro da parte di coloro che sono più fortunati e portano loro un aiuto concreto, ponendo particolare attenzione alle singole situazioni personali.
Le necessità sono diversificate e l’opera dei volontari non deve essere intesa come mera “occasione di presenza”, oltre al contributo dei tanti che “ascoltano”, e possono segnalare situazioni di necessità, l’associazione, con le proprie attività, cerca di lenire le angosce di “tanti” e lancia un invito, come in passato, alle altre realtà associative presenti sul territorio di operare in “rete” ovvero di integrare e potenziare l’azione assistenziale con altri sodalizi al di là della propria attività di “eccellenza”.
«Con l’adesione al Banco Alimentare, diamo un ulteriore aiuto concreto alle famiglie della nostra città che sono in difficoltà nell’affrontare le esigenze primarie – commenta il presidente Antonio Zacchia – le famiglie in difficoltà e le associazioni interessare a collaborare, possono segnalare i nominativi delle persone bisognose recandosi presso la sede di Si Teverola Onlus sita in Via Roma 75 – Teverola, oppure scrivendo una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o telefonando al Telefono Amico 3384721845. Ricordo a tutti che, con il supporto dei Volontari del Servizio Civile Teverola, continua la consegna dei medicinali e la consegna della spesa per le persone impossibilitate e/o costrette in quarantena Covid-19, nonché la campagna di sensibilizzazione all’uso corretto delle mascherine con la distribuzione delle stesse a chi non ne è in possesso».

Ricordiamo, infine, a chi vuole effettuare donazioni a sostegno di tutte le iniziative che messe in campo il numero IBAN a cui donare: IT43W0359901899050188538846 intestato a: Associazione Si Teverola- Raccolta Fondi Emergenza Coronavirus.

(Michele Docimo)

Fonte: Comunicato stampa da https://www.notiziemigranti.it/

ARCI CASERTA – LUNARIA

Discorsi e violenze razziste: dalla prevenzione alla tutela delle vittime - Corso di formazione rivolto a operatori di APS
25 novembre ore 15.00-19.00 - 2 dicembre ore 15,00-18,00 - 9 dicembre ore 15,00-18

Tutti i dati disponibili segnalano in Italia una diffusione preoccupante delle retoriche e delle violenze di matrice xenofoba e razzista. Secondo Odihr/OSCE, in Italia i reati di odio denunciati sono passati da 555 del 2015, a 736 del 2016 ai 969 del 2019. La netta prevalenza dei reati documentati è di matrice razzista e xenofoba. Nel 2019 sono stati 726, di cui 234 reati di incitamento alla violenza razzista e 93 aggressioni fisiche contro le persone.  La relazione esistente tra discorsi e aggressioni, tra la degenerazione di un dibattito pubblico attraversato da stereotipi e pregiudizi nei confronti di immigrati, richiedenti asilo, rifugiati e rom e la ricorrenza di aggressioni fisiche contro le persone di natura xenofoba e razzista, appare sempre piùstringente.

Lunaria e ARCI Caserta promuovono un programma di formazione per analizzare in profondità e sviluppare gli anticorpi sociali necessari per contrastare questi fenomeni. L’iniziativa è realizzata nell’ambito del progetto PINOCCHIO. Cultura, sport, partecipazione civica e social network contro le discriminazioni per una maggiore inclusione sociale promosso da CEFA Onlus in partenariato con Lunaria,A Sud Onlus, UISP-Unione Italiana Sport per tutti, ARCI Liguria, ARCI Caserta, ARCS Culture Solidali, Comune di Bologna, con il contributo di AICS (AID 011786), per sviluppare interventi di cittadinanza attiva e di sensibilizzazione contro la xenofobia e il razzismo.

Il programma della formazione sarà sviluppato tenendo conto delle motivazioni e delle aspettative dei candidati e dei bisogni specifici presenti sul territorio. In generale i contenuti della formazione saranno i seguenti:

1.Riconoscere le discriminazioni, i discorsi di odio e i reati razzisti a partire dalle definizioni e da alcuni casi esemplari di hate speech e di violenze razziste.

  1. L'importanza di combattere il razzismo: analisi dell'escalation che può portare dal pregiudizio alla stigmatizzazione, alle violenze razziste e del suo impatto sul contesto territoriale.
  2. Sviluppo delle conoscenze di base della normativa nazionale applicabile ai discorsi di odio e ai reati razzisti.
  3. Sviluppo delle competenze pratiche per le attività di prevenzione, denuncia e tutela delle vittime di discriminazioni, discorsi di odio e reati razzisti.

Attività realizzata nell’ambito del Progetto PINOCCHIO. Cultura, sport, partecipazione civica e social network contro le discriminazioni per una maggiore inclusione sociale (AID 011786), finanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo.

Per informazioni:

https://lnx.arcicampania.net/2020/11/03/discorsi-e-violenze-razziste-dalla-prevenzione-alla-tutela-delle-vittime/?fbclid=IwAR0-4XWceSfQUa8LDjUEDc_r4F-zt2IsqzdT0-hvGDtiy8jwdWqN9su_HVY

Per iscrizioni: https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSeFsExQ-Dsr6o3HLZEOTjkzjwaLD6Pmi4q6cPmytx2ty8t8fQ/viewform