Si ricorda che è possibile pubblicare le proprie attività sulla newsletter quindicinale del CSV Asso.Vo.Ce. inviando un'e-mail all'indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. entro le ore 19.00 della giornata antecedente alla pubblicazione della stessa, indicando titolo dell'iniziativa, data, luogo e finalità dell'incontro.

È caldamente raccomandato l’uso del modello qui in allegato.

Potranno essere allegati al messaggio comunicati stampa, brochure, locandine, etc.

Per ragioni logistiche, chiediamo di indicare sempre i recapiti di chi promuove l'iniziativa: questi potranno essere utilizzati sia dalla Referente d'area (che si riserva la facoltà di contattare gli organizzatori per raccogliere ulteriori informazioni) che essere pubblicati in calce alla notizia pubblicizzata (qualora il referente dell'attività non desiderasse che i propri contatti vengano citati in newsletter dovrà espressamente indicarlo, fornendo, se è possibile, riferimenti alternativi).

Le associazioni potranno inoltre pubblicare autonomamente le proprie iniziative sulla Banca Dati delle associazioni di volontariato casertane (LINK) utilizzando username e password forniti dal CSV Asso.Vo.Ce.

Chi avesse difficoltà ad accedere al portale o non avesse ricevuto i propri dati identificativi può contattare il CSV e chiedere assistenza al tecnico informatico Giuseppe Giaquinto.

La prossima newsletter sarà pubblicata venerdì 6 marzo 2020.

 

DIRETTIVO DEL CSV ASSO.VO.CE.

I consiglieri incontreranno le OdV presso gli sportelli territoriali

Al fine di favorire la vicinanza tra CSV e organizzazioni di volontariato territoriale i consiglieri del CSV Asso.Vo.Ce. Giuseppe Rauso, Michela Pirozzi, Salvatore Cuoci ed Ermanno Petrenga si renderanno disponibili a incontrare le OdV casertane presso gli sportelli territoriali dell’Agro Aversano e della Valle di Suessola. Le OdV potranno confrontarsi con loro sui problemi territoriali, sulle politiche del CSV e su proposte operative per migliorare i servizi offerti.

  • Il Calendario degli incontri sarà il seguente:
  • Rauso sarà presente il secondo mercoledì del mese dalle 16:00 alle 18:00 allo sportello della Valle di Suessola
  • Pirozzi sarà presente il primo mercoledì del mese dalle 16:00 alle 18:00 allo sportello della Valle di Suessola
  • Cuoci sarà presente il secondo venerdì del mese dalle 16:00 alle 18:00 allo sportello dell’Agro Aversano
  • Petrenga sarà presente l’ultimo venerdì del mese dalle 16:00 alle 18:00 allo sportello dell’Agro Aversano

 

NOTIZIE DAL CSV ASSO.VO.CE.

CSV Assovoce

Chiusura straordinaria del CSV Asso.Vo.Ce. per il 25 Febbraio

Si informano le associazioni di volontariato della provincia di Caserta che la sede centrale del CSV Asso.Vo.Ce. e gli sportelli territoriali di San Cipriano e Arienzo resteranno chiusi per l’intera giornata di Martedì 25 Febbraio, ultimo giorno di Carnevale.

Le attività riprenderanno regolarmente il 26 Febbraio.

 

Avviso di interesse per accreditamento sedi per lo svolgimento del Servizio Civile Universale

Il CSV Asso.Vo.Ce. con delibera del Consiglio Direttivo n°  7 del 27/01/2020 invita gli ETS con sede legale ed operativa in provincia di Caserta e iscritti ai Registri Regionali attualmente in vigore a presentare la propria manifestazione di interesse per accreditare la propria sede tra quelle già in uso del CSV Asso.Vo.Ce. per l’attuazione dei progetti di Servizio Civile Universale. Contestualmente gli enti già accreditati presso il CSV dovranno confermare la propria volontà di proseguire la collaborazione,  confermando la sussistenza dei requisiti già dichiarati negli anni precedenti e comunicando eventuali cambiamenti.

Per l’anno 2020 il CSV garantirà l’accredito di:

  • fino a 10 ETS Odv con sede legale ed operativa in provincia di Caserta, individuate attraverso una graduatoria di merito basata su anzianità di iscrizione al Registro Regionale del Volontariato, Progettualità in essere e capacità di fare rete con altre realtà
  • tutti gli ETS non Odv con sede legale ed operativa in provincia di Caserta che presenteranno domanda e risulteranno essere in possesso dei requisiti

Il CSV si assumerà gli obblighi amministrativi e gestionali dei progetti eventualmente approvati. Questo avverrà gratuitamente per gli ETS ODV, agli altri Enti del Terzo Settore, viene richiesto un rimborso spese calmierato pari a 250,00 euro più IVA  a volontario entrato in servizio.

Per informazioni: LINK

 

Incontro Dibattito - Beni confiscati, dalla resistenza alla rigenerazione – Valorizzare il volontariato e le buone pratiche di riuso sociale per rigenerare il territorio” – Casal di Principe c/o Casa Don Diana

Mercoledì 4 marzo alle ore 17.30 presso il bene confiscato “Casa Don Diana” di Casal di Principe il CSV Asso.Vo.Ce. promuove l’incontro-dibattito “Beni confiscati, dalla resistenza alla rigenerazione – Valorizzare il volontariato e le buone pratiche di riuso sociale per rigenerare il territorio”.

L’iniziativa intende raccogliere tutte le esperienze virtuose realizzate dalle Organizzazioni di Volontariato della provincia di Caserta su beni pubblici e beni confiscati, spesso salvati da situazioni di forte degrado, ed entrare nel merito dell’accurato lavoro di censimento, catalogazione e digitalizzazione delle informazioni raccolte promosso dal CSV nell’ambito dell’azione di ricerca “Catalogo delle buone pratiche di riuso dei beni comuni”, coordinata da Umberto De Santis con il supporto tecnico della referente dell’Area Ricerca del CSV Asso.Vo.Ce. Pasqualina Campagnuolo e delle volontarie del Servizio Civile CSV 2019-2020 Alessia Nocera e Roberta Miele.

Saranno presenti e interverranno i partner del progetto Catalogo delle buone pratiche di riuso dei beni comuni: Agenda 21 per Carditello e i Regi Lagni, Agrorinasce, Labsus, Libera Coordinamento provincia di Caserta e il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università della Campania “Luigi Vanvitelli”. Nel corso dell’incontro del 4 interverranno inoltre i partecipanti del percorso formativo CSV “Pratiche di riuso sociale dei beni confiscati”: i corsisti, che concluderanno a breve i laboratori di progettazione territoriale, presenteranno le proposte e le idee maturate in merito al riutilizzo sociale dei beni confiscati.

L’incontro “Beni confiscati, dalla resistenza alla rigenerazione – Valorizzare il volontariato e le buone pratiche di riuso sociale per rigenerare il territorio” sarà ospitato nell’ambito della Giornata dei Volontari dell’Agro Aversano, della quale sarà presto disponibile il programma definitivo.

Il Catalogo delle buone pratiche di riuso dei beni comuni ha l’obiettivo di mappare e rendere visibili le buone pratiche di riuso dei beni comuni in provincia di Caserta.

I protagonisti del catalogo sono quei beni, prima abbandonati o sottoutilizzati, che grazie all’opera di cittadini attivi tornano a disposizione della comunità e diventano incubatori di innovazione sociale, luoghi di partecipazione, cittadinanza attiva, opere di bellezza diffusa.

Nella prima annualità del progetto, in coerenza con la mission del CSV Asso.Vo.Ce., ci si è concentrati soprattutto sulle esperienze di riuso sociale dei beni promosse dalle OdV della provincia di Caserta, visionabili sul sito web del progetto www.benicomuni.csvassovoce.it Complessivamente sono state mappate più di 30 esperienze che riguardano beni immobili pubblici gestiti da OdV, beni confiscati gestiti da OdV, iniziative delle OdV per valorizzare i beni confiscati e i beni pubblici. Esperienze anche molto diverse tra loro che ad esempio raccontano dell’attivazione di centri di aggregazione giovanile all’interno di beni confiscati, di parchi pubblici abbandonati rigenerati grazie all’impegno di cittadini attivi, di ludoteche o laboratori di make up oncologici allestiti all’interno di locali ospedalieri per alleviare le sofferenze degli ammalati, di terreni pubblici abbandonati che diventano orti sociali, di spazi dismessi all’interno di istituti scolatici che accolgono biblioteche civiche. 

L’Incontro Dibattito - Beni confiscati, dalla resistenza alla rigenerazione – Valorizzare il volontariato e le buone pratiche di riuso sociale per rigenerare il territorio” rientra nelle attività previste per La Giornata dei Volontari dell’Agro Aversano, della quale sarà disponibile a breve il programma.

Clicca qui per scaricare l’invito

 

OPPORTUNITÀ PER ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO

IMPRESA SOCIALE CON I BAMBINI

Bando “Cambio rotta”. Percorsi di contrasto alla devianza minorile

Scadenza: 8 aprile 2020

È stato pubblicato dall’Impresa Sociale Con i Bambini il bando Cambio rotta, finalizzato a sostenere interventi socio-educativi rivolti a minori tra i 10 e 17 anni di età segnalati dall’Autorità giudiziaria minorile e già in carico agli Uffici di servizio sociale per i minorenni (USSM) o ai servizi sociali territoriali, in particolare per reati di gruppo, oppure in uscita da procedimenti penali o amministrativi.

Verranno promosse iniziative mirate a contrastare il fenomeno della devianza minorile attraverso la sperimentazione di soluzioni innovative e integrate che combinino efficacemente percorsi individualizzati e il lavoro centrato sulla relazione come risorsa, valorizzando le capacità personali e lo scambio di esperienze tra pari. Per contrastare efficacemente il fenomeno, sarà necessario prevedere un percorso comune che metta in rete gli Enti del Terzo Settore, gli organismi della giustizia minorile e i servizi sociali territoriali, le famiglie, la scuola e gli enti di formazione. Dovrà essere coinvolta tutta la ‘comunità educante’, compresi i gruppi di coetanei, con azioni nei luoghi di ritrovo dei ragazzi nei quartieri considerati particolarmente a rischio.

Il bando, che mette a disposizione complessivamente 15 milioni di euro, scade l’8 aprile 2020.

I progetti devono essere presentati esclusivamente on line, tramite la piattaforma Chàiros su www.conibambini.org, e potranno avere una dimensione regionale o interregionale. In quest’ultimo caso, l’intervento potrà essere localizzato in più di una regione ma all’interno di una sola area geografica (Nord, Centro, Sud e Isole). I progetti, come i precedenti selezionati da Con i Bambini, prevedono l’introduzione della valutazione di impatto, ovvero una valutazione complessiva dell’efficacia delle azioni realizzate.

Il fenomeno della devianza minorile interessa ogni anno migliaia di minori. I ragazzi e i giovani adulti interessati da procedimenti penali avviati dall’Autorità Giudiziaria Minorile e in carico agli Uffici di servizio sociale per i minorenni del territorio italiano sono circa 20.000 l’anno. Si tratta di minori per la maggior parte italiani (74%) e maschi (89%), per circa il 40% composto da ragazzi di 16-17 anni. Per quanto riguarda gli illeciti, si registrano soprattutto reati contro il patrimonio (45%), in particolare furti e rapine, ma anche reati contro la persona (25%), con una prevalenza di lesioni personali e minacce.

Il Bando “Cambio Rotta” è promosso nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile.

Il Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile nasce da un’intesa tra le Fondazioni di origine bancaria rappresentate da Acri, il Forum Nazionale del Terzo Settore e il Governo. Sostiene interventi finalizzati a rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale che impediscono la piena fruizione dei processi educativi da parte dei minori.

Per attuare i programmi del Fondo, a giugno 2016 è nata l’impresa sociale Con i Bambini, organizzazione senza scopo di lucro interamente partecipata dalla Fondazione CON IL SUD. LINK

 

FONDAZIONE CON IL SUD

Bando Socio Sanitario: povertà sanitaria e nuove dipendenze al Sud

La Fondazione CON IL SUD promuove la quarta edizione del Bando Socio Sanitario, mettendo a disposizione 4,5 milioni di euro per sostenere interventi di contrasto alla povertà sanitaria e la sperimentazione di cure specifiche per le “nuove dipendenze” al Sud.

L’iniziativa si rivolge alle organizzazioni di terzo settore di Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia che potranno proporre interventi in uno solo degli ambiti previsti: lo sviluppo di sistemi innovativi e integrati di accesso alle cure per persone in condizione di povertà sanitaria (a disposizione 3 milioni di euro) oppure la sperimentazione di metodologie alternative di cura per le nuove dipendenze (a disposizione 1,5 milioni di euro).

Le partnership di progetto dovranno essere composte da almeno tre organizzazioni: due del Terzo settore più l’ente pubblico responsabile dei servizi socio-sanitari del territorio in cui si vuole intervenire. Potrà essere coinvolto anche il mondo delle istituzioni, dell’università, della ricerca e quello economico.

Il Bando prevede due fasi: la prima, finalizzata alla selezione delle proposte con maggiore potenziale impatto sul territorio e la seconda, di progettazione esecutiva, con l’obiettivo di ridefinire eventuali criticità rilevate nella fase di valutazione.

Le proposte dovranno essere presentate online, attraverso la piattaforma Chàiros.

Il bando scade il 17 aprile 2020.

Fonte: Comunicato stampa

Per maggiori informazioni: LINK

 

L’AGENDA DELLE ASSOCIAZIONI

22  febbraio – Sabato

FUORI LUOGO: ARAPE...SONG' JE!

22 febbraio sfilata di Carnevale: Caserta si prepara alla seconda edizione del Carnevale Sociale “Fiesta de Caras”.

Tante le associazioni che si sono unite per organizzare la Sfilata di Carnevale “Libero e Ribelle”, che partirà il 22 febbraio alle 15 dalla villetta di Parco degli Aranci per terminare presso l’ex Caserma Sacchi. I due luoghi scelti sono un emblema di questo Carnevale: quest’anno infatti il tema sono i beni comuni, ovvero i beni riaperti e gestiti dai cittadini di ogni origine, quelli ancora chiusi e abbandonati, quelli che devono essere trasformati per essere luogo di inclusione sociale.

Il titolo di quest'anno è FUORI LUOGO: ARAPE...SONG' JE!

Perché, per riprendere le parole degli organizzatori: “Chi dice sempre la sua anche quando non è richiesta...è fuori luogo! Chi non si sente accettato e si sente però...fuori luogo! Chi aspetta che quel cancello si apra per svelare un giardino segreto e magico...aspetta fuori al luogo dei suoi sogni! Per dire la nostra sempre, per una città inclusiva e verde non vogliamo più sentirci FUORI LUOGO!”

La villetta di parco degli Aranci, luogo di partenza della sfilata, è il terzo spazio verde dopo villa Giaquinto e la villetta di via Arno, ad essere gestito in maniera condivisa e sottratto all’abbandono.

L’ex Caserma Sacchi, luogo di arrivo, è lo spazio una cui parte è stata proposta dal Comune alle associazioni del centro sociale ex Canapificio, Millepiani e Nero e non Solo per farne la prima CASA DEL SOCIALE di Caserta.

Al termine della sfilata i cortili della Ex Caserma saranno animati da ballo con la Murga e il Frente Murguero Italiano, teatro con Officina Teatrale Generazione Libera e Idea Chiara Onlus, giochi Piedibus e Orto Volante e cena multietnica a cura dei beneficiari del progetto Sprar, di Generazione Libera e dei volontari delle varie associazioni.

La sfilata vedrà in strada famiglie e bambini, tra colori e la travolgente musica della Murga, oltre alla giocoleria a cura dell’associazione “Teniamoci per mano”. In scena, i beni comuni dalla città, rappresentati con ironia e fantasia: gli spazi verdi sottratti all’abbandono (villa Giaquinto, villette di via Arno e di Parco degli Aranci) e quelli da aprire come la Villetta di via Acquaviva e il Macrico, la Biblioteca Comunale, l’ex Canapificio, la Casa del Sociale; non può mancare il Piedibus, patrimonio comune della città.

L’iniziativa del 22 si inserisce all’interno dei Carnevali Sociali che animano Napoli e Caserta dal 18 al 25 febbraio, passando per quartieri come Scampia, Quartieri Spagnoli, Sanità per dare colore e gioia a zone troppo spesso abbandonate, trasmettendo messaggi di rinascita e unione.

L’evento è a cura di: Murga Los Quijotes della Fuente Viva - Generazione Libera - Comitato Città Viva Centro sociale Ex-Canapificio - Rete Progetto Accoglienza Sprar/Siproimi Caserta – Agesci Caserta4 - Laboratorio sociale Millepiani - Comitato Villa Giaquinto - Andrea Coringa Parea e Michela Bruno – Passamano -– Happy Hand - Teniamoci per mano onlus – Mario Infante e l’Orto Volante- Cidis Onlus - Comitato IdeaChiara Onlus- Comitato Macrico Verde - Associazione Alterum.

Per informazioni: LINK

 

6 MARZO – VENERDÌ

GENERAZIONE LIBERA

Open your mind, open your heart. (vol 2)

Venerdì 6 marzo alle ore 20:30, in occasione della Giornata internazionale della donna, presso lo "Spazio Polifunzionale Silvia Ruotolo" in vicolo Nicola Abbagnano n°6 (frazione Tuoro -  Parco Primavera - Caserta), Generazione Libera terrà un evento incentrato sul tema dell'emancipazione della donna.

Questo evento è il secondo di una serie di incontri a sfondo culturale ed artistico, destinati ad essere appuntamenti periodici per sensibilizzare su tematiche di interesse comune.

In occasione di tale evento sarà proiettato il film: "Il diritto di contare".

Per informazioni: LINK

 

IL LABORATORIO – MISERICORDIA SAN FELICE A CANCELLO

Una giornata a Pompei

Le organizzazioni di Volontariato IL Laboratorio e la Misericordia di San Felice a Cancello organizzano per

domenica 7 marzo una passeggiata domenicale a Pompei.

Appuntamento alle ore 7,15 in Piazza Castra Marcelli.

Per prenotazioni e info 3451692792

https://www.facebook.com/odvillaboratorio/

 

ASSOCIAZIONE SÌ TEVEROLA

“Nonni in casa”, un supporto per anziani over 65

A Teverola è nata una nuova banca. In giro c'è sempre molta diffidenza verso gli istituti bancari. Ma questa è speciale: è una Banca del Tempo.

Una banca basata sulla collaborazione e sulla solidarietà in cui le persone scambiano reciprocamente attività, competenze e saperi. Si tratta di un sistema di scambio non monetario in cui circola un “tempo” donato e ricevuto, dove il valore dello scambio è calcolato in ore e prescinde dal valore di mercato e dalla tipologia della prestazione offerta o ricevuta: servizi, attività, saperi sono scambiati in base al tempo necessario per realizzarli e trasferirli da una persona all’altra.

I correntisti di questa nuova banca specificano quali attività, competenze o saperi intendono offrire e ricevono una tessera, un libretto degli assegni, l’elenco di offerte e recapiti degli altri soci ed un vero e proprio conto corrente dove, però, al posto degli euro, si depositano ore. 

I principi su cui si basa tutto il meccanismo della Banca del Tempo sono quelli dello scambio reciproco, della parità e della reciprocità.

Chi diventa correntista ha qualcosa da offrire agli altri, migliora il rapporto con il proprio “tempo”, allarga la propria rete di conoscenze e sviluppa relazioni, rafforza il senso di appartenenza ad una comunità, ricrea un clima di fiducia reciproca tra le persone costruendo un tessuto sociale più sereno.

I correntisti sanno di essere cittadini attivi partecipando alle regole di una comunità, si confrontano con realtà diverse (siano esse etniche, culturali, religiose, generazionali) del proprio territorio.

Sulla scia di questi principi, e di questi benefici, nasce il progetto “Nonni in Casa” un’iniziativa di  piccola assistenza domiciliare per gli anziani nell’ambito del progetto “Banca del Tempo” rivolto alle persone con più di 65 anni che ne fanno richiesta presso la sede del sodalizio.

I giovani volontari del “Servizio Civile Teverola” si rendono disponibili per il disbrigo di pratiche amministrative e commissioni quotidiane come la spesa, il pagamento delle bollette, il disbrigo delle ricette mediche e il ritiro delle medicine. Inoltre s’ impegnano a offrire qualsiasi tipo di intrattenimento come fare una passeggiata, giocare a carte o altro. 

L'obiettivo del progetto è quello di andare incontro a queste persone che, molto spesso, per diversi problemi e difficoltà, non riescono o non hanno la possibilità di compiere le mansioni di ogni giorno.  

È  possibile aderire all’iniziativa comunicando  la propria disponibilità  all’email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il servizio è totalmente gratuito ed è possibile farne richiesta per sé o per i propri parenti.

Fonte: Comunicato stampa

Clicca qui per la locandina

 

Premio di poesia “I versi non scritti” , scadenza: 26 aprile 2020

L’associazione di volontariato Sì Teverola ha bandito la 4 a edizione del Premio Internazionale di Poesia “I Versi non scritti…”, sostenuto moralmente da: Provincia di Caserta, Istituto Comprensivo “G.Ungaretti” – Teverola, Csv-AssoVoCe – Caserta, e gode della collaborazione esterna delle Associazioni: “Migr-Azioni” Aps – Teverola e “Happy Teverola”- Teverola. Il bando è raggiungibile al sito www.citytelling.info.

Si può partecipare con opere inedite e testi editi, a una o più delle seguenti sezioni: POESIA INEDITA ITALIANA; POESIA IN DIALETTO/LINGUA STRANIERA; LIBRO EDITO DI POESIA;  VIDEO-POESIA; RACCONTO INEDITO.

Sono ammesse opere in lingua italiana. Le opere in lingua straniera, devono essere tradotte in modo leggibile, in lingua italiana. La partecipazione richiede l’invio di due poesie per ciascun autore (una sola copia per poesia). E’ inoltre istituita, a latere del concorso generale, una Sezione Speciale riservata a tutti gli allievi del primo e secondo ciclo di istruzione.

Scadenza ultima per l’invio degli elaborati è il 26 aprile 2020, ore 23.59.

Per informazioni: LINK