Quello appena trascorso è stato un fine settimana particolarmente intenso per il Coordinamento Nazionale dei Centri di Servizio per il Volontariato CSVnet, che ha visto una riconferma al vertice, quella di Stefano Tabò (già presidente dal 2011) ed una novità che renderà felici tutti coloro che si occupano di Terzo Settore nel Lazio: la vicepresidente vicaria del CSVnet Francesca Danese, dal 2011 vicepresidente del Coordinamento e da tempo alla guida del Cesv Lazio, sarà il nuovo assessore alle Politiche Sociali del comune di Roma.

La rielezione di Stefano Tabò alla presidenza di CSVnet è stata preceduta da alcune polemiche interne all’assemblea, in seguito alle quali si optò per uno spostamento delle votazioni (che erano previste, infatti, per l’ultimo fine settimana di Novembre):  il neo Consiglio Direttivo, riunitosi a Roma sabato 13 Dicembre, ha quindi assegnato a Tabò il suo secondo mandato.

 

Tabò, fondatore del CSV “Celivo” di Genova, vede confermato il proprio incarico  in una fase di particolare complessità per i Centri di Servizio per il Volontariato, il futuro dei quali sarà seriamente messo in discussione dal Disegno di Legge Delega al Governo per la riforma del Terzo settore e dalle ristrettezze economiche minacciate dall’applicazione della Legge di Stabilità: il neopresidente dichiara, rispetto al delicato ruolo che sarà richiamato a ricoprire:“Proseguirò nell’incarico facendo tesoro dell’esperienza maturata ma anche aprendo CSVnet a novità importanti. Già la nostra Assemblea ci ha impegnato su un progetto di cambiamento con respiro triennale, a partire dall’aggiornamento dello statuto ed il rafforzamento della sinergia tra i CSV ed i territori. Il nostro sistema continuerà ad essere punto di riferimento per lo sviluppo del volontariato e per affermare un “modo” di esprimere solidarietà organizzata limpido nelle intenzioni e nelle azioni, nonché trasparente nella gestione delle risorse economiche".

Alla vicepresidenza siederà  il “nuovo acquisto” Silvio Magliano (CSV Torino) insieme ai riconfermati Luciano Squillaci (CSV Reggio Calabria) e Francesca Danese, nominata vicepresidente vicaria: ed è proprio a quest’ultima, storica presidente del Cesv Lazio ed esponente di punta dell’Anlaids, che il sindaco del Comune di Roma Ignazio Marino ha affidato l’incarico di Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Roma. “La nomina di Danese” leggiamo su Redattore Sociale.it “ sarebbe stata il frutto di un lungo sondaggio condotto direttamente dal sindaco nel mondo dell’impegno sociale di Roma, non tra le grandi realtà della cooperazione implicate nell’inchiesta della procura, ma tra associazioni più piccole e frammentate,  che rappresentano la maggioranza dell’attività sociale nella capitale”, e sarebbe stata auspicata da Marino già diverso tempo fa, quando cominciarono a girare le voci di un abbandono di Rita Cudini, già assessore alle politiche sociali al Comune di Roma.

Ancora una volta” ha commentato il neopresidente di Csvnet Stefano Tabò “ la politica si rivolge al volontariato migliore e alla governance dei Centri di Servizio per ridare impulso ad un Paese che non si arrende e che vuole fermamente riscattarsi.   L’esperienza ed i valori maturati nei CSV sono innesti importanti per una politica radicata sulla giustizia e votata al cambiamento. A Francesca i nostri migliori auguri per un incarico complesso ma che lei saprà affrontare con il coraggio e la passione che ha sempre dimostrato”.