Progetto NoDi in Comune 

Il progetto “Nodi in Comune” nasce nell’ambito delle “Pratiche Collaborative per il Benessere della Comunità” programmate dal CSV Asso.Vo.Ce. con l’obiettivo di promuovere il cambiamento nelle comunità attraverso l’elaborazione di nuovi modelli di riferimento basati sul lavoro di rete tra Enti del Terzo Settore, Enti Pubblici ed Enti Privati.

Dal 2018 il CSV Asso.Vo.Ce ha avviato un percorso di co-progettazione partecipata sul territorio dell’Agro Aversano e del Litorale Domitio con ODV, altri ETS ed Enti Pubblici che ha portato all’elaborazione del progetto “Punti di Riferimento del Cittadino (PRC)” ridenominato poi “NoDi in comune” (un acronimo che richiama il No alla Discriminazione alla base dell’idea progettuale, ma anche i “nodi” della rete al servizio del cittadino creati con il progetto).

Gli ETS che hanno aderito alla progettualità sono:

  • le ODV A.R.CA., Sì Teverola, SIAM, Omnia onlus, Nella Rete, VINCI, Il Coraggio di Briciola, Ass. Mamme coraggio e vittime della strada;
  • le APS Papatrac e Comitato don Peppe Diana;
  • le Cooperative sociali Davar e Agropoli. 

Da maggio 2019 sono partite le attività del progetto “NoDi in Comune” con l’apertura degli sportelli antidiscriminazione presso gli spazi messi a disposizione dai Comuni di Castel Volturno, Teverola, San Cipriano d’Aversa e Frignano che hanno aderito all’iniziativa con la stipula di apposite convenzioni.

Gli sportelli di “NoDi in Comune” sono luoghi di raccolta delle richieste di cittadini vittime di discriminazione o di familiari, parenti o componenti della rete informale (es. vicinato) di persone discriminate, che ricercano sostegno e supporto per affrontare le problematiche presentate.

Per ciascun soggetto preso in carico, una equipe multidisciplinare elabora un Progetto Individualizzato per definire la tipologia di intervento da mettere in atto e per individuare, grazie alla collaborazione dei soggetti pubblici e privati che hanno aderito al progetto, l’adeguato percorso di sostegno per ogni esigenza emersa.

Nei primi mesi del 2020, il CSV Asso.Vo.Ce. ha promosso incontri di allargamento della partnership progettuale per favorire la partecipazione di ulteriori realtà territoriali e per ampliare il raggio di azione del progetto. Hanno aderito le ODV Gocce di Vita, Black and White, Fenice – crea non distruggere, Geofilos Atella, CAM, CasaleLab.

In seguito ad un’attenta analisi dei punti di forza e delle criticità riferite alle azioni realizzate nell’ambito di “Nodi in Comune”, è emersa la volontà della rete progettuale di ampliare il numero di sportelli antidiscriminazione sul territorio coinvolgendo ulteriori comuni (Aversa, Casaluce, Sant’Arpino) e al contempo, di offrire uno spazio adeguato all’interno del quale poter realizzare servizi rivolti alle famiglie e in particolar modo ai minori per garantire loro un supporto nella crescita. Tale servizio individuato con il nome di Laboratorio Educativo Territoriale (L.E.T.) mira a promuovere il benessere psicofisico del minore all’interno di un contesto di raccordo tra Scuola, famiglia e comunità.

Il Laboratorio Educativo Territoriale prevede la creazione di uno spazio educativo attrezzato per accogliere ragazzi e ragazze, in particolare frequentanti la Scuola primaria e secondaria di primo grado, che vivono in situazioni di disagio relazionale, personale, familiare e scolastico. Tale spazio ospiterà iniziative in parte di tutoraggio educativo e, in parte ludico-ricreative, per favorire interventi di socializzazione e integrazione sociale.

 

Emergenza covid-19

In questo periodo di crisi sanitaria dovuta alla diffusione del Covid-19, il direttivo del CSV Asso.Vo.Ce in accordo con la partnership progettuale, ha deciso di attivare misure urgenti di sostegno alla popolazione, in particolar modo alle categorie più fragili.

Attraverso un accordo con i Servizi Sociali dei Comuni partner del progetto “NoDi” (Aversa, Teverola, Frignano, Castel Volturno, san Cipriano d’Aversa) saranno individuate 18 famiglie per ogni comune in condizioni di difficoltà alle quali saranno garantiti buoni spesa del valore di 100 euro per i prossimi 4 mesi. La distribuzione dei buoni spesa sarà garantita attraverso la sinergia tra le segnalazioni del Comune e il lavoro delle organizzazioni di volontariato territoriali.

Clicca qui per scaricare la brochure.

Clicca qui per scaricare il video.