Primo appuntamento su “La gestione condivisa dei beni comuni” al Ristorante “Il Cortile” a Caserta in Via Galilei 24, il 23 novembre alle ore 16,30 MAPPA

Clicca qui per iscriverti

“Le migliori idee sono quelle che nascono attorno alla macchinetta del caffè”. Quando il clima di lavoro è più rilassato e l’atmosfera è piacevole,  tipico delle pause,  la discussione si fa libera ed appassionata: emergono  conversazioni importanti, capaci di cambiare le persone ed aprire prospettive di cambiamento non convenzionali. Da questa osservazione nasce la metodologia dei world cafè, una modalità di confronto informale e amichevole supportata da un facilitatore e da (pochi, ma ben calibrati) materiali di approfondimento.    Nelle prossime settimane il CSV Asso.Vo.Ce, che da sempre favorisce l’incontro e la condivisione tra volontari ed altri soggetti della società civile, lancerà un ciclo di “world cafè” sui temi di maggiore interesse per l’associazionismo casertano. A coadiuvare il confronto nei diversi incontri sarà Francesca Scafuto, referente dell’area formazione del CSV Asso.Vo.Ce: sarà inoltre presente il responsabile dell’area formazione Pasquale Iorio.

Il primo incontro, che si terrà il 23 novembre (ore 16,30 – 19,00) presso il Ristorante “Il Cortile” in Via Galilei 24 a Caserta mappa  (e non presso la Biblioteca Diocesana di Caserta come precedentemente comunicato) avrà come tema “La gestione condivisa dei beni comuni”. I beni comuni: un tema che ci riguarda tutti”.

 I “beni comuni” s’intendono come l’insieme delle istituzioni, delle risorse, dei mezzi e delle pratiche che permettono a un gruppo di individui di costruirsi come una comunità. Non sono beni privati, né beni dello stato: sono di tutti, e tutti dobbiamo prendercene cura. Il tema dei beni comuni è stato più volte affrontato dal CSV, soprattutto rispetto ai temi della rigenerazione urbana ed al contributo che le associazioni di volontariato possono dare nel ridare vita agli spazi sociali abbandonati.  Già diversi comuni in provincia di Caserta hanno adottato il Regolamento sull’amministrazione condivisa dei beni comuni, lanciato dal Laboratorio per la Sussidiarietà – Labsus negli scorsi mesi: è arrivato quindi il momento di un confronto su quello che è stato già fatto e quello che può essere costruito. All’incontro sono invitati a partecipare oltre alle associazioni di volontariato, anche le istituzioni comunali che nella provincia di Caserta hanno adottato il patto di collaborazione per la gestione condivisa dei beni comuni, ed un rappresentante di Labsus: tutti gli attori coinvolti però, usciranno fuori dal loro ruolo associativo o istituzionale ed interagiranno in maniera paritetica con il metodo del world cafè.

Parteciperà in qualità di esperto il professore Michele Mosca, Professore di politica economica presso il Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università Federico II di Napoli: faciliterà i lavori Francesca Scafuto, referente dell’area Formazione del CSV Asso.Vo.Ce.

Perché partecipare?  Per essere più consapevoli rispetto ai temi della gestione condivisa dei beni comuni, ma anche e soprattutto per ragionare insieme sulle possibilità per vivere meglio il nostro territorio e metterle in pratica, esercitando  il nostro potere/diritto/responsabilità di agire proattivamente  per la nostra città. La metodologia del world cafè ci offre inoltre la possibilità di interloquire in maniera nuova con le istituzioni, promuovendo un approccio paritario ed una crescita reciproca.

Per informazioni è possibile contattare la dottoressa Francesca Scafuto al numero di telefono 0823/326981 o all’email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per iscriversi è possibile compilare il form in allegato.

È già possibile iscriversi anche al prossimo world cafè “La riforma del terzo settore: a che punto siamo?” che si terrà il prossimo 29 novembre a Casa Don Diana a Casal di Principe. Per informazioni: LINK