Si ricorda che è possibile pubblicare le proprie attività sulla newsletter quindicinale del CSV Asso.Vo.Ce. inviando un'e-mail all'indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. entro le ore 19.00 della giornata antecedente alla pubblicazione della stessa, indicando titolo dell'iniziativa, data, luogo e finalità dell'incontro.

Potranno essere allegati al messaggio comunicati stampa, brochure, locandine, etc.

Per ragioni logistiche, chiediamo di indicare sempre i recapiti di chi promuove l'iniziativa: questi potranno essere utilizzati sia dalla Referente d'area (che si riserva la facoltà di contattare gli organizzatori per raccogliere ulteriori informazioni) che essere pubblicati in calce alla notizia pubblicizzata (qualora il referente dell'attività non desiderasse che i propri contatti vengano citati in newsletter dovrà espressamente indicarlo, fornendo, se è possibile, riferimenti alternativi).

La prossima newsletter sarà pubblicata Venerdì 18 Marzo 2016.

Seguici su facebook!

Seguici su twitter!

 

COMUNICAZIONI DAL CSV ASSO.VO.CE.

INAUGURAZIONE NUOVA SEDE IL 31 MARZO 2016 – ORE 17,00 C/O STAZIONE FERROVIARIA MADDALONI INFERIORE

Sarà inaugurata Giovedì 31 Marzo alle ore 17,00 presso i locali siti al primo piano della stazione di Maddaloni Inferiore (siti in Via La Rosa, 47) la sede del Centro Servizi per il Volontariato della provincia di Caserta “Asso.Vo.Ce”.

Il CSV Asso.Vo.Ce., rimasto a Caserta dal 2006 al 2015, ha avuto in comodato d’uso gratuito un locale delle Ferrovie, grazie a “Volontariato in Stazione” , l’accordo tra il Coordinamento Nazionale dei Centri di Servizio CSVnet e RFI (Rete Ferrovie Italiane): attraverso l’accordo “Volontariato in Stazione”, gli organismi no profit potranno ottenere in comodato d’uso gratuito le sedi delle stazioni impresenziate, al fine di realizzarvi progetti di ricaduta sociale.

Il CSV di Caserta è stato uno dei primi in Italia ad ottenere l’uso di una stazione impresenziata – alla quale si aggiungerà presto anche quella di Albanova – e il primo in assoluto a trasferirvi la propria sede, con un notevole risparmio annuale rispetto ai Fondi erogati dal Comitato di Gestione dei Fondi Speciali per il Volontariato della Regione Campania.

Sono stati invitati a partecipare all’inaugurazione: Il Sindaco di Maddaloni Rosa De Lucia; gli ingegneri Giulio del Vasto e Mario Ferrandino , funzionari di RFI per la regione Campania; il Presidente di CSVNet Stefano Tabò; l'assessore alle politiche sociali della Regione Campania Lucia Fortini; il commissario straordinario del comune di Caserta Maria Grazia Nicolò.

Nei prossimi giorni sarà diffuso il programma dettagliato delle attività.

 

NUOVI ORARI SPORTELLI TERRITORIALI DA GENNAIO AD APRILE 2016

Si informano le associazioni di volontariato che afferiscono agli sportelli territoriali di Santa Maria a Vico e di Casal di Principe che a partire da Gennaio, e fino alla fine di Aprile 2016, gli uffici saranno aperti il venerdì mattina (e non più il venerdì pomeriggio) dalle 10,00 alle 13,30.

 

CSV ASSO.VO.CE. – LIBERA CASERTA - COMITATO DON PEPPE DIANA

Al via i focus group sul riutilizzo sociale dei beni confiscati: primo appuntamento il 29 Febbraio ore 16,30 a Castel Volturno.

Per iscriversi all’iniziativa: link

Partirà il 29 Febbraio ore 16,30 da Castel Volturno, presso la sede dell’associazione ARCA (Parco Valentina, Fabbricato n° 7 – loc. Pinetamare), il ciclo di focus group sul riutilizzo sociale dei beni confiscati promosso dal Centro Servizi per il Volontariato “Asso.Vo.Ce.” di Caserta, dal Coordinamento Libera della provincia di Caserta e dal Comitato Don Peppe Diana.

 I focus group rientrano in quell’insieme di azioni tese a “liberare” le informazioni sui beni confiscati, ed a renderle fruibili dai non addetti ai lavori, che il CSV Asso.Vo.Ce. , Libera Caserta e Comitato Don Peppe Diana hanno rilanciato negli scorsi mesi attraverso l’Osservatorio Provinciale dei Beni Confiscati alla Criminalità Organizzata: nel corso dei focus group i cittadini potranno confrontarsi con i propri rappresentanti istituzionali sullo stato dell’arte dei beni confiscati presenti sul proprio territorio, prendendo consapevolezza delle buone prassi già attivate sul tema e suggerendone di nuove.

Particolarmente simbolica è stata la scelta di partire da Castel Volturno, il comune in provincia di Caserta con la più alta percentuale di beni confiscati alla criminalità: su 444 immobili catastali presenti in provincia di Caserta, 103 (ben il 23%) sono ubicati infatti in questo territorio (fonte: http://www.cosenostre.org/situazione-nazionale ). Nelle prossime settimane il team di esperti che favorirà il confronto tra cittadini ed istituzioni territoriali si sposterà in altre aree di interesse del Casertano (Agro Aversano, Sessano, Caserta centro), per un totale complessivo di quattro incontri.

Sono stati invitati a partecipare all’incontro del 29 Febbraio: il Sindaco di Castel Volturno, gli assessori e funzionari del Comune di Castel Volturno con delega alle Politiche Sociali ed al Patrimonio, il Consigliere con delega ai Beni Confiscati in Castel Volturno, Vincenzo Cappello del Comitato Esecutivo di ANCI Campania, i tirocinanti del progetto La Res, i giornalisti Tommaso Morlando e Vincenzo Ammaliato, tutte le associazioni che hanno sede legale sul litorale domitio (Castel Volturno, Mondragone), nonché quelle che hanno già manifestato interesse presso il Comune ad ottenere un bene confiscato.

Per scaricare la brochure: link

Per iscriversi all’iniziativa (entro e non oltre il 27/02/16): link  

Ricordiamo che, rispondendo ai quesiti presenti a questo link , è possibile prendere parte al Progetto di Mappatura Collettiva ed alle Consultazioni pubbliche sul riutilizzo sociale dei beni confiscati promosso da Centro Servizi per il Volontariato “Asso.Vo.Ce.” di Caserta, Coordinamento Libera della provincia di Caserta ed il Comitato Don Peppe Diana: chiunque offrirà la propria collaborazione sarà ricontattato telefonicamente, affinché possa essere concordato un piano di attività compatibile con l’ effettiva disponibilità del candidato e congruente con la fase di evoluzione del progetto. Sarà inoltre creato un database con i riferimenti di quanti hanno presentato la propria dichiarazione di interesse, i quali saranno costantemente informati sulle attività promosse nell’ambito del progetto “Un Osservatorio sui beni confiscati in provincia di Caserta”.

Per maggiori informazioni è possibile contattare l’Osservatorio sui beni confiscati alla camorra c/o CSV Asso.Vo.Ce. Via La Rosa, 47 Maddaloni tel. 0823/326981 fax 0823214878 e mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Si allega sintesi del progetto

 

PRONTA LA NUOVA PAGINA FACEBOOK: CLICCA “MI PIACE” PER RESTARE INFORMATO SULLE ULTIME ATTIVITÀ!

Si informano le associazioni di volontariato e tutti gli amici del Profilo Facebook “CSV Asso.Vo.Ce” che di recente il suddetto è stato bloccato: questo ha comportato la perdita di tutte le informazioni e di tutte le amicizie accumulate negli anni.

Nei giorni scorsi abbiamo provveduto a lanciare, in ottemperanza alle Linee Guida di Facebook, una nuova pagina, CSV Asso.Vo.Ce (FACEBOOK ASSO.VO.CE.): chi vorrà restare aggiornato sulle nostre iniziative ed attività non dovrà fare altro che cliccare “Mi Piace”, per restare sempre in contatto con il nostro CSV.

 

RECLAMI ASL CASERTA

Il Comitato Partecipativo e Consultivo Misto ASL Caserta a disposizione per raccogliere le segnalazioni dei cittadini

Per segnalazioni: compila form online o scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il Comitato Partecipativo e Consultivo Misto dell’Azienda Sanitaria Locale di Caserta, composto dal Centro Servizi per il volontariato Asso.Vo.Ce., e dalle associazioni: Tribunale per i Diritti del Malato, Avo Santa Maria Capua Vetere, ISDE Caserta e Centro STP/ENI Caritas Succivo, ai fini di promuovere il diritto della cittadinanza a sporgere segnalazioni alla ASL, nonché per supportare l’Azienda Sanitaria nel monitoraggio dei servizi erogati, informa tutti gli assistiti che a partire dalla data odierna sarà possibile inoltrare reclami, suggerimenti e apprezzamenti all’Ufficio Relazioni con il Pubblico – URP compilando l’apposito form online, o contattando il Tribunale dei Diritti del malato all’indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per ulteriori informazioni: LINK

UOC URP e Comunicazione ASL Caserta: tel 0823/445134 - 445436

Per inviare il proprio reclamo tramite e-mail, e per ulteriori informazioni sulle modalità di segnalazione: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per compilare il form on line:  LINK

 

CONSULENZE FISCALI E LEGALI PRESSO IL CSV ASSO.VO.CE.

Avvocato disponibile su appuntamento

Si ricorda alle organizzazioni di volontariato della provincia di Caserta che il CSV Asso.Vo.Ce. offre, su appuntamento, un servizio di consulenza legale (Studio Legale Di Muro Annunziata).

Il suddetto Studio Legale offrirà pareri sulle seguenti materie:

civilistica

amministrativa

giuslavorista

stragiudiziale

Le consulenze saranno erogate, solo su appuntamento, presso il CSV Asso.Vo.Ce (Via La Rosa, 47 Maddaloni), al primo piano della Stazione ferroviaria di Maddaloni Inferiore.

 

Appuntamento con il commercialista il giovedì pomeriggio

Si informano le OdV della provincia di Caserta che le consulenze a cura del dott. Commercialista Giuseppe Raffone sono possibili presso la sede del CSV Asso.Vo.Ce. in Via La Rosa, 47 Maddaloni il giovedì pomeriggio solo su prenotazione.

Per fissare un appuntamento è possibile contattare la segreteria organizzativa del CSV Asso.Vo.Ce. al numero 0823/326981.

 

DATABASE DELLE ODV IN PROVINCIA DI CASERTA

Il CSV Asso.Vo.Ce. aggiorna i dati in proprio possesso: telefonate in arrivo per i Presidenti delle OdV

Il Centro Servizi per il Volontariato Casertano Asso.Vo.Ce. (CSV Asso.Vo.Ce.), che da anni raccoglie e sistematizza informazioni e riferimenti delle Organizzazioni di Volontariato site nella provincia di Caserta, ha avviato nei giorni scorsi un processo di aggiornamento dei dati a propria disposizione (liberamente consultabili da questo LINK, alla voce “Database Associazioni”).

Il database delle Associazioni Casertane, dotato di uno specifico motore di ricerca, consente di selezionare le organizzazioni di volontariato più vicine al proprio territorio ed alle proprie inclinazioni, ed è un utile strumento conoscitivo sia per aspiranti volontari che per quanti già operano all’interno di un’OdV, e sono in ricerca di potenziali partner progettuali: è quindi importante che le OdV incluse nel censimento forniscano riferimenti aggiornati ed effettivamente attivi.

Per favorire le Organizzazioni di Volontariato in questo processo di verifica dati, e per ottimizzare uno strumento di così grande potenziale, già da alcuni giorni e per le prossime settimane i volontari del CSV contatteranno telefonicamente le OdV già censite da Asso.Vo.Ce. (oltre 350) per illustrare più dettagliatamente le finalità dell’indagine e per concordare con i presidenti contattati la restituzione del questionario in allegato.

Per maggiori informazioni: LINK

Riferimento Asso.Vo.Ce.:

Dott.ssa Pasqualina Campagnuolo c/o CSV Asso.Vo.Ce.

Tel: 0823/326981 e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

 

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

Approvata la graduatoria dei Progetti Sperimentali di Volontariato per l’anno 2015.

Tra le associazioni casertane, premiato il CAM

L 'ufficio Centrale di Bilancio e la Corte dei Conti hanno registrato il Decreto Direttoriale di approvazione, di autorizzazione e di impegno del 21 dicembre 2015, concernente la graduatoria dei progetti sperimentali di volontariato ammessi a contributo per l'annualità 2015.

Sono stati ammessi a contributo n. 79 progetti sperimentali e innovativi di volontariato, per un importo complessivo di euro 1.997.593,60, secondo l'ordine risultante dalla graduatoria redatta dalla Commissione esaminatrice e approvata dall'Osservatorio Nazionale per il Volontariato.

Per quanto riguarda il territorio casertano, si è utilmente classificato in graduatoria il Centro di Animazione Missionaria CAM, con il progetto “Da Neet a Meet”.

Le organizzazioni di volontariato ammesse a contribuito riceveranno attraverso la piattaforma www.direttiva266.it la comunicazione formale dell'esito positivo della valutazione e dovranno procedere, entro il termine di 20 giorni dalla di lettura della medesima comunicazione, ad inviare - attraverso la suddetta piattaforma - la documentazione indicata al punto 9.1 delle Linee di Indirizzo Anno 2015.

Per scaricare il Decreto di Approvazione  clicca qui

 

CO.GE. CAMPANIA

Nominati i membri del Consiglio Direttivo per il Biennio 2015/2017

Si informano le organizzazioni di volontariato della regione Campania che il Comitato di Gestione dei Fondi Speciali per il Volontariato della Regione Campania insediatosi in data 15 febbraio 2016, ha provveduto, nel corso della riunione , a nominare i seguenti membri del Consiglio Direttivo:

  • Presidente: Deandreis Massimo (Compagnia di San Paolo)
  • Vicepresidente: Amore Luigi (ACRI)
  • Segretario: Viola Angelica (Fondazione Ca.Ri. Cuneo)

E, nel ruolo di consiglieri:

  • Battuello Mauro (Compagnia di San Paolo)
  • Spagnolo Santo (Compagnia di san Paolo)
  • Castagno Daniela (Fondazione Cariplo)
  • Stasi Maria Patrizia (Fondazione Cariplo)
  • Di Napoli Lorenzo Maria (Fondazione Ca.Ri. Padova e Rovigo).

 

OPPORTUNITÀ PER ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO

In evidenza:

Due nuovi bandi da Fondazione Con Il Sud

 

SCADENZA PRIMA FASE: 18 MARZO 2016 (VENERDÌ)

Bando Socio – sanitario

La Fondazione CON IL SUD promuove la terza edizione del Bando Socio Sanitario, invitando le organizzazioni di terzo settore del Sud a presentare idee per migliorare e ampliare l’offerta di servizi rivolti ad anziani affetti da demenza senile e giovani con disabilità psichica.

Con questo bando la Fondazione mette a disposizione fino a 5 milioni di euro.

L’iniziativa prevede 2 fasi. La prima, che scade il 18 marzo, di presentazione di idee progettuali finalizzate a migliorare la qualità, i contenuti, l’efficacia, l’efficienza, l’integrazione dei servizi di assistenza socio-sanitaria in una delle regioni meridionali (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna, Sicilia).

A partire dal progetto individuale di ciascuna persona con disabilità, gli interventi previsti dalla proposta dovranno rientrare in una o più delle seguenti tipologie: servizi sociali e socio-assistenziali rivolti alle persone con disabilità (es. centri diurni e semi-residenziali, assistenza domiciliare, etc.); sperimentazione di soluzioni residenziali “leggere” (es. gruppi appartamento, micro-comunità, etc.); inclusione al lavoro attraverso il collocamento mirato e/o servizi di supporto. Le proposte potranno prevedere, in aggiunta agli ambiti sopra elencati, anche interventi di accompagnamento ai servizi socio-sanitari.

Nel corso della seconda fase del bando le idee progettuali selezionate saranno trasformate in progetti esecutivi. Le proposte dovranno essere presentate esclusivamente on-line su fondazioneconilsud.it da partnership composte da almeno tre organizzazioni. Oltre al mondo del terzo settore e del volontariato è obbligatoria la presenza dell’ente pubblico responsabile dei servizi socio-sanitari del territorio in cui si intende realizzare l’intervento. Potranno essere coinvolte anche altre istituzioni, le università, il mondo della ricerca e quello economico. Saranno sostenuti interventi “esemplari” tesi a valorizzare la dignità e l’autonomia delle persone con disabilità, sviluppando meccanismi innovativi volti a favorirne l’inclusione sociale.

Per ulteriori informazioni e per scaricare la modulistica: LINK

 

SCADENZA: 8 APRILE 2016 (Venerdì)

Bando Comunicare E Bene

Il nostro Sud ha una serie di antichi e nuovi problemi di natura civile e sociale che richiedono una forte azione di denuncia.

Legalità, povertà, lavoro, salute, cultura, ambiente, diritti negati, sprechi inaccettabili, incuria dei beni comuni, sono solo alcune voci che compongono questo coro. Al tempo stesso, però, possono contenere anche idee e soluzioni proposte dal basso, dalla società civile, da associazioni, cooperative e imprese sociali, da tanti giovani che si mettono in gioco.

Attraverso questa iniziativa sperimentale la Fondazione CON IL SUD intende promuovere una campagna nazionale di comunicazione che a partire dalle buone pratiche su tematiche sociali specifiche al Sud sappia valorizzarle e diffonderle attraverso i linguaggi della comunicazione, nell’ottica di un’azione di sensibilizzazione diffusa.

La Fondazione mette a disposizione 50 mila euro per sostenere una sola campagna. Si partecipa on-line (clicca qui) entro l’8 aprile 2016. Non vi sono vincoli espressivi, di linguaggio, strumenti o canali di comunicazione e diffusione.

L’iniziativa si rivolge a organizzazioni non profit meridionali (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia) che potranno presentare, anche in collaborazione con il mondo economico, delle istituzioni, dell’università, della ricerca, dei media, una proposta di campagna di comunicazione nazionale su una tematica sociale strettamente legata al Sud.

La proposta dovrà valorizzare e diffondere buone pratiche, mettendo in relazione la dimensione creativa delle idee con quella più pragmatica della denuncia (compresa quella riguardante le disfunzioni, i deficit o gli “sprechi” degli interventi pubblici) e della proposta.

Saranno valutate positivamente quelle proposte che, tra gli altri criteri, prevedano azioni innovative rispetto al settore della comunicazione individuato, al linguaggio e al tema affrontato.

“La comunicazione è uno strumento indispensabile per provocare il cambiamento – ha commentato Carlo Borgomeo, presidente della Fondazione CON IL SUD. L’iniziativa rappresenta un’occasione per tante realtà civili impegnate nel territorio per portare all’attenzione pubblica la propria visione sul Sud e su un particolare tema sociale, in un’ottica propositiva efficace che sappia contaminare e lasciare il segno”.

Per maggiori informazioni: LINK

 

TECHSOUP ITALIA

Programma di donazione prodotti informatici

Il Programma di Donazione TechSoup Italia offre un'ampia gamma di prodotti di aziende quali Microsoft, Symantec, Cisco e Autodesk a organizzazioni che rispondano ai criteri di eleggibilità richiesti dai Partner Donatori. Le stesse aziende si impegnano anche a offrire la formazione necessaria all'utilizzo dei prodotti acquistati.

Le organizzazioni possono ordinare software e hardware che pagheranno ad un prezzo simbolico, scontato del 96% su quello al dettaglio.

Possono fare richiesta onlus, ong, cooperative sociali, associazioni di volontariato, associazioni di promozione sociale, fondazioni e organizzazioni che abbiano lo stato di onlus.

Per poter partecipare l'organizzazione deve procedere con la registrazione on line sul sito http://www.techsoup.it e inviare una copia del proprio statuto, dell'atto costitutivo, del documento certificante l'assegnazione del codice fiscale e dell'autocertificazione, scannerizzata via mail o via fax.

Di seguito verrà inviata una e-mail, o di conferma, contenente anche le indicazioni per effettuare l'ordine, o di diniego nel caso in cui l'organizzazione non abbia i requisiti.

Per maggiori informazioni: LINK

 

SCADENZA: 29 FEBBRAIO 2016

UNICREDIT FOUNDATION

Strategie di coesione sociale a favore della Terza età

Anche per il 2015 UniCredit Foundation promuove il Bando UniCredit Carta E "Strategie di coesione sociale a favore della Terza età" che assegnerà fondi per un totale di 500.000 euro suddivisi tra le sette onlus che avranno presentato i migliori progetti in termini di sostegno alla Terza età.

 Fino al 29 febbraio 2016 sarà possibile presentare i progetti per accedere ai fondi del Bando, messi a disposizione grazie a UniCreditCardFlexia Classic E, la carta di credito che, senza alcun costo aggiuntivo per il titolare, accantona il 2 per mille di ogni spesa effettuata per sostenere progetti di solidarietà.

 Il Bando erogherà Sette contributi da 60.000 euro ciascuno per altrettante organizzazioni non profit distribuite sul territorio in corrispondenza della suddivisione geografica di UniCredit in Italia: le organizzazioni prescelte potranno ricevere ulteriori 80.000 euro, ripartiti in quota proporzionale, grazie all’iniziativa interna Your Choice, Your Project, attraverso la quale i dipendenti di UniCredit potranno esprimere il loro giudizio sui progetti finanziati.

Come per le edizioni precedenti del Bando UniCredit Carta E, i progetti pervenuti verranno esaminati e selezionati dal Comitato Carta Etica, interno a UniCredit, in collaborazione con il Cergas dell’Università Bocconi di Milano.

Per rispondere al bando: Clicca qui

Per maggiori informazioni: LINK

 

SCADENZA: 11 MARZO 2016

FONDAZIONE JOHNSON & JOHNSON – HUMAN FOUNDATION

Percorsi di Innovazione: nuove competenze per accrescere l'impatto sociale/ II edizione

Candidature Online entro l’11 Marzo questo link e tramite e-mail

La Fondazione Johnson & Johnson, in collaborazione con Human Foundation, propone un percorso formativo gratuito dedicato a enti del Terzo Settore del centro-sud Italia volto a promuoverne la strutturazione e la sostenibilità sul lungo periodo. L’obiettivo del corso è di rafforzare l’impatto delle organizzazioni sul territorio a partire dallo sviluppo delle competenze interne.

I principi del percorso formativo tengono conto sia della necessità di tradurre nell’operatività quotidiana le nozioni teoriche, anche attraverso il coinvolgimento in attività partecipative sulla gestione dell’organizzazione, sul ciclo del progetto, sulla valutazione d’impatto sociale e la raccolta fondi, sia dell’utilità del confronto diretto con altre organizzazioni che hanno sviluppato esperienze di successo nell’accrescere l’impatto sociale prodotto.

I candidati ideali operano in organizzazioni del Terzo Settore attive:

  • in una delle seguenti Regioni: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Lazio, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia, Umbria;
  • nelle seguenti aree di intervento: salute, benessere dei bambini e delle donne, responsabilità verso la comunità, formazione nel campo sanitario.

Per partecipare alla selezione, la domanda di ammissione dovrà essere compilata online entro e non oltre l’11 marzo 2016, rispondendo a questo link

Per completare la candidatura, una volta compilato il formulario online, occorre inviare una lettera di referenze del candidato firmata dal legale rappresentante dell'organizzazione (nel caso il candidato sia il legale rappresentante, questi potrà inviare una lettera motivazionale spiegando perché vorrebbe partecipare al corso). La lettera - massimo una pagina - dovrà essere inviata via email a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. sempre entro e non oltre l’11 marzo 2016.

Percorsi di Innovazione Sociale avrà luogo da mercoledì 6 a sabato 9 aprile 2016 a Roma (luogo da definire).

La partecipazione prevede la possibilità di essere selezionati per un percorso di follow-up a seguito della formazione in aula.

Il corso è gratuito, i partecipanti/le organizzazioni devono prevedere di sostenere le spese di trasporto, vitto ed alloggio.

Per maggiori informazioni e per scaricare il programma completo: LINK

 

FONDAZIONE CON IL SUD

BANDO VOLONTARIATO / RETI NAZIONALI

Una nuova iniziativa per promuovere i valori e l’impegno del volontariato nelle regioni meridionali, come importante strumento di innovazione e di coesione sociale, facendo fronte a una storica carenza strutturale. Dopo l’iniziativa “CON IL SUD CHE PARTECIPA”, rivolta a tutte le organizzazioni non profit del Sud Italia per diffondere la cultura e la pratica del volontariato tra i cittadini attraverso idee e interventi concreti (a disposizione 2 milioni di euro, scade il 12 febbraio), la Fondazione CON IL SUD pubblica sul proprio sito un nuovo bando dedicato alle Reti nazionali di volontariato, per rafforzare la loro presenza nelle regioni meridionali, e annuncia un’ulteriore iniziativa, prevista in primavera, rivolta alle reti locali di volontariato.

Il BANDO VOLONTARIATO – RETI NAZIONALI prevede due fasi. Entro l’11 marzo 2016 le reti nazionali di volontariato potranno presentare, esclusivamente online tramite il sito della Fondazione, idee progettuali per rafforzare la propria presenza nelle regioni meridionali (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia), specificando, tra l’altro, le innovazioni che si intendono realizzare, l’impatto sociale e i risultati previsti, i destinatari dell’intervento. 

Saranno valutate positivamente le idee potenzialmente più efficaci nel migliorare il lavoro di rete delle organizzazioni, nel valorizzare le attività svolte anche attraverso una maggiore trasparenza e una migliore visibilità, nel generare un positivo impatto sociale sulla comunità, nel portare innovazione a livello organizzativo e metodologico. Successivamente, le idee selezionate dalla Fondazione saranno convertite in programmi di sostegno dettagliati.

Gli interventi proposti dovranno coinvolgere, oltre all’organizzazione nazionale di volontariato, almeno quattro delle associate e prevedere la realizzazione delle attività in almeno tre regioni del Sud. Nel processo di valutazione si terrà conto, tra l’altro, della capacità di coinvolgere la comunità e di diffondere modelli potenzialmente esemplari per altri territori attraverso un’ efficace attività di comunicazione.

Per maggiori informazioni: LINK

 

OPPORTUNITÀ PER ASPIRANTI VOLONTARI

FINO AL 9 MARZO H. 14,00

IVO4All: Bando di selezione per complessivi 50 volontari da impiegare in progetti di servizio civile nazionale per l'attuazione del progetto sperimentale europeo International Volunteering Opportunities for All

FOCISVcerca volontari per progetti in Romania e Portogallo

 Il Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale ha pubblicato il bando per la selezione di 50 volontari da impiegare in progetti di Servizio Civile Nazionale per l’attuazione del progetto europeo IVO4ALL da realizzarsi nei Paesi dell’Unione Europea.

La durata del servizio è di 6 mesi, di cui 4 mesi all’estero e 2 mesi in Italia. Il periodo di servizio civile svolto in Italia prevede un periodo di formazione pre-partenza che comprende un corso di lingua straniera (Inglese, Francese, Spagnolo, Portoghese a seconda del Paese dove si realizza il progetto) della durata di tre settimane che si svolgerà a Roma, un periodo di formazione generale e specifica da effettuare presso l’ente titolare del progetto prescelto. Terminato il servizio civile all’estero è previsto un periodo di circa 15 giorni in Italia, durante il quale sarà effettuato il debriefing dell’esperienza svolta.

La domanda di ammissione e la relativa documentazione va presentata all'ente che realizza il progetto prescelto, entro le ore 14.00 del 9 marzo 2016.

La FOCSIV (Federazione Organismi Cristiani di Servizio Internazionale Volontario cerca 12 volontari da impegnare nel progetto Giovani Volontari Internazionali in Europa: il progetto GIVE: Giovani Volontari Internazionali in Europa è un progetto di Servizio Civile sperimentale, promosso da FOCISV, da realizzarsi in Romania (10 posti) e Portogallo (2 posti). Il bando è aperto a tutti, ma avranno un punteggio maggiore in sede di selezione i candidati provenienti da una delle Regioni Obiettivo Convergenza (Calabria, Campania, Puglia e Sicilia), o apparenti alla categoria NEET, o con basso reddito. Per maggiori dettagli visionare il bando.

La domanda per partecipare al progetto di Servizio Civile potrà essere presentata entro le ore 14:00 del 9 marzo 2016, esclusivamente secondo le seguenti modalità: 

-   a mano;

-   a mezzo "raccomandata A/R" (attenzione: non farà fede il timbro postale di invio, ma la data di ricezione in sede delle domande);

-   tramite Posta Elettronica Certificata (PEC) di cui è titolare l'interessato, allegando la documentazione richiesta in formato pdf, a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  inserendo nell’oggetto “candidatura progetto GIVE”.

Per la sintesi del progetto: LINK

Per la modulistica: LINK

 

L’AGENDA DELLE ASSOCIAZIONI

WWF CASERTA

RICICLARTE: Il riciclo creativo per incentivare la raccolta differenziata

Riceviamo ed inoltriamo il comunicato stampa relativo all’ultimo incontro promosso dall’associazione WWF Caserta nell’ambito del progetto di riciclo creativo “Riciclarte”, destinato agli alunni delle scuole elementari e condotto dalla Panda Artist Teresa Leggiero.

San Nicola la Strada, 17 febbraio 2016 - Si è svolto l'ultimo degli incontri previsti del progetto realizzato con l’IC “De Filippo” - DS Prof.ssa Raffaella D’Isando, in collaborazione con il Nucleo Comunale di Protezione civile - Coordinatore dott. Ciro De Maio su iniziativa dell’Assessore all’Ambiente dott. Domenico Sortino e supporto dell’Assessore alla Cultura , Dott.ssa Maria Natale. Referenti del progetto, le insegnanti Valeria Ronsini e Angelina Pascariello. Anche il terzo appuntamento, condotto, con la consueta dedizione, dalla nostra Panda Artist - dott.ssa Teresa Leggiero -  ha entusiasmato gli studenti : hanno partecipato gli alunni delle quattro sezioni della prima media (circa 100). L'argomento trattato ha destato grande interesse partecipazione soprattutto quando è stato illustrato il significato delle 5R del Wwf - Riduci, Recupera, Ripara, Ricicla e Ricerca - con obiettivo “rifiuti zero”. Gli alunni preparatissimi, , grazie al meticoloso lavoro di preparazione dei docenti, hanno partecipato tantissimo soprattutto quando è stati realizzato il laboratorio del riciclo. Alunni e insegnanti hanno adottato il vaso dalle bottiglie di plastica per realizzare l’orto in verticale .

Riportiamo una simpatica e profonda riflessione a proposito del “packaging” esasperato… “certo che il comportamento degli adulti è assurdo - sottolineano i bambini - paghiamo la spazzatura - il packaging - per portarla a casa, poi la differenziamo e poi paghiamo ancora per farla smaltire!?”

18 MARZO – VENERDì

ASSOCIAZIONE VINCI

Presentazione del libro “Io, morto per dovere”

L’associazione Volontari Interforze e Cittadini V.IN.CI. Onlus organizzerà per il giorno 18 Marzo la presentazione del Libro “Io, morto per dovere”: l’evento, che sarà realizzato presso la Sala Consiliare del Comune di Cesa (Piazza De Gasperi), vedrà l’intervento di Dobrowolska Mancini Monica (autrice del testo, insieme a Luca Ferrari e Nello Tocchia), di Don Maurizio Patriciello e del giornalista Ernesto Ferrante.

L’evento è patrocinato dal Centro Servizi per il Volontariato “Asso.Vo.Ce”.

 

L’AGENDA FISCALE

Si ricorda che il CSV Asso.Vo.Ce. offre gratuitamente alle organizzazioni di volontariato della provincia di Caserta un servizio di consulenza fiscale.

Le consulenze – a cura del dott. Commercialista Giuseppe Raffone - si terranno il giovedì pomeriggio presso la sede del CSV Asso.Vo.Ce. in Via Volta a Caserta solo su prenotazione.

Per fissare un appuntamento è possibile contattare la segreteria organizzativa del CSV Asso.Vo.Ce. al numero 0823-326981.

In evidenza:

Anche le Odv tenute al rilascio, entro il 29 febbraio, della dichiarazione della Certificazione Unica ai propri collaboratori

Che cos’è : La Certificazione Unica (CU) è il documento, emesso da quei soggetti che hanno effettuato i pagamenti ai propri collaboratori, che attesta la percezione di un reddito. Sono considerati interessati dalla Certificazione Unica i lavoratori dipendenti e gli autonomi che hanno percepito redditi o proventi nel corso dell’anno 2015. Tale norma vale quindi anche per tutte quelle Odv che si avvalgono di collaboratori. Per necessità o chiarimenti si ricorda che è possibile richiedere il servizio di consulenza da parte di un professionista, erogato gratuitamente dal Centro Servizi.

Per quanto riguarda la Certificazione Unica 2016, essa è suddivisa in due parti:

  • Certificazione Unica Sintetica: una versione semplificata della Certificazione. Deve essere consegnata al lavoratore dipendente, assimilato o autonomo, entro il 29 febbraio 2016. Tale Certificazione deve essere compilata per ogni percettore di redditi soggetti a ritenuta a titolo di imposta o di acconto. Inoltre, devono compilare la Certificazione anche tutti coloro i quali nell’anno 2015 hanno l’obbligo di certificare ai lavoratori i contributi previdenziali e assistenziali dovuti all’INPS e/o i premi assicurativi dovuti all’INAIL.
  • Certificazione Unica Ordinaria: È la versione completa della Certificazione. Deve essere trasmessa telematicamente entro il 7 marzo 2016. Rispetto a quella Sintetica contiene una serie di informazioni aggiuntive utili all’Agenzia delle Entrate sia per il 730 precompilato che per effettuare controlli d’ufficio e accertamenti con largo anticipo.

L’obiettivo è certificare le seguenti tipologie di reddito:

  • Redditi da lavoro dipendente: rientrano nella categoria anche i redditi detti “assimilati” come le borse di studio, collaborazioni coordinate e continuative, compensi corrisposti ai componenti degli organi di amministrazione delle società.
  • Redditi di lavoro autonomo: redditi di professionisti, redditi diversi, ovvero le provvigioni che non possono essere certificate con altre modalità.

Sanzioni: Per ogni Certificazione Unica omessa, tardiva o errata, è prevista una sanzione di 100 euro. La sanzione non si applica se effettuata o rettificata entro i 5 giorni successivi alla scadenza. Se trasmessa entro 60 giorni dal termine previsto, la sanzione è ridotta a un terzo (33,33 euro).

Dove scaricarla: Il modello, cosi come le relative istruzioni di compilazione, possono essere scaricate dal sito dell’Agenzia delle Entrate a questo indirizzo: LINK

 

LE SCADENZE DI FEBBRAIO

 29 febbraio 2016 - lunedì

Sostituti d’imposta

Termine per l’effettuazione delle operazioni di conguaglio relative all’anno 2015 fra le ritenute effettuate sui redditi di lavoro dipendente e assimilati e l’imposta effettivamente dovuta.

Termine per la consegna agli interessati della certificazione delle ritenute alla fonte operate nell’anno 2015 utilizzando il Mod. CU 2016. (v. dettaglio sopra)

Datori di lavoro

Presentazione del Mod. DM10 in via telematica.

Datori di lavoro e committenti di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa

Termine per la trasmissione telematica all’INPS del Mod. EMens contenente i dati retributivi per il calcolo dei contributi del mese di gennaio 2016.