Fiducia nelle relazioni, ma prima di tutto nelle proprie idee: è questo che è stato chiesto alle associazioni di volontariato che si sono presentate in massa Venerdì 16 gennaio al Polo Scientifico della Seconda Università degli Studi di Napoli, per parlare di Conciliazione famiglia – lavoro: è attorno a questo tema, e a come il volontariato può supportare tale processo, che è stata dedicata la prima giornata della solidarietà promossa dal CSV Asso.Vo.Ce.

Hanno partecipato all’evento quasi settanta volontari, in rappresentanza, complessivamente, di 28 associazioni di volontariato: la quasi totalità dei presenti (il 97% del totale) ha preso parte attiva ai gruppi di lavoro e di approfondimento promossi in seno all’iniziativa: Assistenza ed Accudimento, Pari Opportunità e Prevenzione della Povertà.

A fronte di un clima sociale che vede diradarsi l’opportunità di finanziamenti pubblici, ed al costante rischio per il volontariato di essere snaturato nelle proprie funzioni – da “complemento etico” delle istituzioni, ormai troppe volte chiamato a sostituire le stesse-   le risposte più interessanti derivano dal profit “sociale” e da forme non convenzionali di non profit: il no al mero assistenzialismo, propugnato da anni, diventa oggi la conditio sine qua non per garantire la solidità dei progetti messi in campo dal volontariato.

Un volontariato che cresce insieme ai propri utenti, e che sa lanciarsi in sfide moderne, non deve avere tuttavia “paura di chiedere”. Senza tralasciare le istituzioni – che non possono essere tuttavia l’unico interlocutore di riferimento – i volontari del 2015 sanno raccontarsi, sanno avvicinare i membri della comunità, propongono idee da condividere, lanciano sfide, la prima delle quali rivolta proprio agli enti di erogazione: “Dateci fiducia, lasciateci continuare le nostre azioni, non fatele morire. Non vi fidate di noi? Venite a vedere quello che facciamo”.

I lavori si sono aperti con i  saluti di Gennaro Castaldi, presidente del CSV Asso.Vo.Ce. Ce, Antonio D’Onofrio, Direttore del Dipartimento di Matematica e Fisica della Sun e di Luisa Perinella, referente del Forum Casertano del Terzo Settore.

Ai saluti sono seguiti i tre gruppi di lavoro, facilitati da testimonial provenienti dal mondo del volontariato: per il gruppo di lavoro Assistenza ed Accudimento Gerarda Pascarella e Guglielmo D’Allocco (rispettivamente, A.Na.Vo. e A.I.P.D. ); per il gruppo di lavoro Pari opportunità Tiziana Carnevale e Adele Grassito (Spazio Donna), per il gruppo di lavoro Prevenzione della Povertà Giovanna Maciariello e Rosario Laudato (Forum Casertano del Terzo Settore e Generazione Libera) .

Dopo una breve pausa, i gruppi di lavoro si sono riuniti in plenaria, dove hanno esposto le proposte e le soluzioni rilevate a partire da alcune “prassi eccellenti”: il successivo dibattito è stato poi suddiviso in due sessioni: “Aiutare chi aiuta: nuovi strumenti per il fundraising” (con gli interventi di Marco Imperiale, Direttore di Fondazione con il Sud;  Maurizio Imparato di Eppela, una dei principali piattaforme di Crowdfunding presenti in Italia;  Raffaella Papa, presidente di Spazio alle Responsabilità) e “Aiutare di più, aiutare meglio: risorse istituzionali per la conciliazione tempi di lavoro – tempi della famiglia (con gli interventi di  Luciano Keller , consulente del lavoro, e  Marianna Pignata, Delegata alle Pari Opportunità della Sun) .

Il presidente del CSV Asso.Vo.Ce. Gennaro Castaldi ha dichiarato, in merito all’evento del 16 Gennaio “Questa giornata ha avuto il merito di sollecitare un confronto diretto tra le organizzazioni di volontariato e le istituzioni preposte a favorire la conciliazione tra i tempi di lavoro ed i tempi di vita, consentendo alle prime di acquisire nuovi strumenti e competenze, ed alle seconde di conoscere meglio le realtà del volontariato territoriale in vista di future collaborazioni. E’stata inoltre per noi l’opportunità per avviare una collaborazione con la Seconda Università degli Studi di Napoli, che sarà presto formalizzata attraverso uno specifico protocollo di intesa”.

 

In allegato: 

Report

Sintesi dei tre gruppi di lavoro

Foto

Rassegna stampa