È il turno delle associazioni dell’Agro Aversano che si sono confrontate giovedì 30 gennaio rispetto al progetto No.Di. in Comune.

Un incontro così partecipato da occupare tutti i posti a sedere dello sportello di San Cipriano, a dimostrazione dell’efficacia dell’intervento proposto. Oltre agli enti  che hanno aderito al progetto l’anno scorso – le ODV A.R.Ca., Il Coraggio di Briciola, Associazione Mamme Coraggio, Omnia, Nella Rete, SIAM,  Vinci e Sì Teverola., le Cooperative Sociali Agropoli e Davar,  le APS Patatrac e Comitato don Peppe Diana e i comuni di Teverola, San Cipriano d’Aversa, Casal di Principe e Castel Volturno – numerosi sono stati gli interventi di chi per il 2020 intende supportare l’attivazione di nuovi Punti di Riferimento del Cittadino e la gestione di quelli già presenti oggi.

Si va ad arricchire quindi un progetto che in questi mesi ha permesso l’assistenza e il supporto ai cittadini di diversi comuni dell’Agro Aversano (ad oggi: Castel Volturno, Frignano, San Cipriano d’Aversa e Teverola) di tutti i cittadini che hanno subito una qualche forma di discriminazione. Grazie alla rete attivata dagli ETS aderenti e dalle istituzioni territoriali che hanno ospitato le attività, sono stati creati percorsi di sostegno personalizzati per chiunque ne avesse necessità. A partire dal 2020, inoltre, il progetto No.Di. si arricchirà con dei centri pomeridiani e dei laboratori di educativa territoriale gestiti direttamente dalle OdV.

Nei prossimi giorni le associazioni coinvolte nelle attività formalizzeranno gli accordi per passare ad una nuova fase operativa. Vi terremo aggiornati!