Il progetto “Megafono solidale per continuare a vivere” iniziato a gennaio del 2017 realizzato dalla rete associativa AIDO – AITF – ANOLF della provincia di Caserta sostenuto da Fondazione con il sud si avvia verso la fase finale.

Il progetto ha coinvolto gli studenti, gli immigrati ed i Comuni, in particolar modo, gli uffici anagrafe, per sensibilizzare ed informare tutti i cittadini della provincia di Caserta sulla tematica della donazione e del trapianto di organi.

In provincia di Caserta abbiamo già realizzato 3 convegni, in ordine cronologico, il primo al comune di Caserta, il secondo a Piedimonte Matese, il terzo a Castel Volturno, il quarto è programmato nella mattinata a Santa Maria Capua Vetere il 24 ottobre presso l’Ites Leonardo Da Vinci ed infine presso l’Aula Consiliare del comune di Marcianise il 30 ottobre 2018 dalle ore 11 – alle ore 13, ove partecipa una delegazione degli studenti del Novelli.

All’incontro di Marcianise intervengono per il Comune, il Sindaco Dr. Antonello Velardi, per il Novelli la Dirigente Scolastica Emma Marchitto e la Prof.ssa Luisa Laurenza, per il Centro Regionale Trapianti il Dr. Vincenzo del Giudice, per l’Associazione Piccoli Comuni d’Italia il Dr. Artuto Manera ed il Presidente Provinciale AIDO di Caserta Gennaro Castaldi. Modera i lavori della mattinata il Dr. Francesco Martino, Presidente della Delegazione Provinciale di Caserta dell’A.I.T.F.- 

Nonostante i dati positivi a livello nazionale ed in regione Campania sull’attività di prelievi/trapianti di organi nell’anno 2017, la situazione resta drammatica per gli oltre 9.000 pazienti in attesa di trapianto, dei quali più di 1.000 risiedono nella nostra regione.

Un dato negativo sono le opposizioni ai prelievi di organi, che in Campania registrano percentuali superiori alla media nazionale. Ciò comporta l’esigenza di continuare a diffondere la cultura della donazione, operando una scelta consapevole durante la nostra vita, manifestando attraverso i Comuni, le Asl (Sportello Amico Trapianti), le Associazioni di settore in primis l’A.I.D.O., il proprio consenso e/o dissenso alla donazione di organi.

La legge di conversione n.98 del 9 agosto 2013 che va sotto il nome “Una scelta in Comune” offre a tutti i cittadini italiani l’opportunità di fare questa scelta al momento del rilascio/rinnovo della carta di identità.

In meno di 2 anni dell’entrata a regime di detta normativa, oltre 2 milioni e mezzo di italiani hanno manifestato il proprio consenso/dissenso alla donazione di organi, che unitamente ai 178mila raccolti dalle Asl e al milione trecento sessantamila dall’AIDO, che confluiscono nel Sistema Informativo Trapianti, evidenziano che oltre 4 milioni di italiani hanno espresso la loro volontà. 

E’ importante ricordare, che all’avvio del progetto nel gennaio 2017, solo 3 Comuni in provincia di Caserta erano organizzati per raccogliere queste manifestazioni di volontà da parte dei propri cittadini, attualmente, è con soddisfazione che registriamo che sono ben 91 Comuni su 104, hanno dato inizio a questa attività, applicando la legge “Una scelta in Comune”.

In questi circa 2 anni si è svolto un lavoro prezioso in collaborazione con il Centro Regionale Trapianti della Campania, l’Associazione dei Piccoli Comuni della provincia, i Comuni capofila degli Ambiti Territoriali e più in generale della regione, gli impiegati degli Uffici Anagrafe.

Infine è doveroso segnalare, la partecipazione attiva di ben 11 Istituti Scolastici della provincia di Caserta, dei Centri di accoglienza per gli Immigrati in particolare del Centro Sociale ex Canapificio di Caserta ed infine i volontari e gli attivisti della rete associativa del progetto “Megafono Solidale per continuare a vivere”.

Fonte: Comunicato stampa