Si ricorda che è possibile pubblicare le proprie attività sulla newsletter quindicinale del CSV Asso.Vo.Ce. inviando un'e-mail all'indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. entro le ore 19.00 della giornata antecedente alla pubblicazione della stessa,indicando titolo dell'iniziativa, data, luogo e finalità dell'incontro.

Potranno essere allegati al messaggio comunicati stampa, brochure, locandine, etc.

 

Per ragioni logistiche, chiediamo di indicare sempre i recapiti di chi promuove l'iniziativa: questi potranno essere utilizzati sia dalla Referente d'area (che si riserva la facoltà di contattare gli organizzatori per raccogliere ulteriori informazioni) che essere pubblicati in calce alla notizia pubblicizzata (qualora il referente dell'attività non desiderasse che i propri contatti vengano citati in newsletter dovrà espressamente indicarlo, fornendo, se è possibile, riferimenti alternativi).

Le associazioni potranno inoltre pubblicare autonomamente le proprie iniziative sulla Banca Dati delle associazioni di volontariato casertane (LINK) utilizzando username e password forniti dal CSV Asso.Vo.Ce. nelle scorse settimane.

Chi avesse difficoltà ad accedere al portale, o non avesse ricevuto i propri dati identificativi, può contattare il CSV e chiedere assistenza al tecnico informatico Giuseppe Giaquinto.

La prossima newsletter sarà pubblicata venerdì 19 gennaio 2018.

 

NOTIZIE DAL CSV ASSO.VO.CE.

SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE

BANDO ACCREDITAMENTO NUOVE SEDI SERVIZIO CIVILE – Riapertura dei termini, previsto anche l’ingresso per APS e Cooperative Sociali

Scadenza: 8 gennaio 2018 ore 13,00

Il CSV Asso.Vo.Ce. riapre, con delibera n. 8 del Consiglio Direttivo del giorno 23/11/17, i termini di accreditamento per le sedi del Servizio Civile, non solo per le Organizzazioni di volontariato, ma anche alle Associazioni di promozione Sociale e  Cooperative Sociali con sede legale in provincia di Caserta.

Per maggiori informazioni: LINK

 

FIRMA DIGITALE E PEC: Riaperti i termini per l’assegnazione, per prenotarsi: LINK

Qui l’elenco dei primi kit assegnati

Nelle scorse settimane il CSV Asso.Vo.Ce. aveva pubblicato un avviso per le OdV interessate ad attivare, attraverso l’assistenza del CSV,Posta elettronica certificata e firma digitale: dopo la verifica delle domande pervenute al CSV entro il termine del 1 dicembre, saranno concessi 27 kit per firma digitale e 29 indirizzi di posta elettronica certificate (a questo link l’elenco dei beneficiari, che saranno a breve contatti per completare le procedure di attivazione).

È ancora possibile prenotarsi  per usufruire di tale servizio fino all’esaurimento degli spazi disponibili.

Per maggiori informazioni: LINK

 

CONSULENZE LEGALI E FISCALI PRESSO ASSO.VO.CE.

Si ricorda alle organizzazioni di volontariato della provincia di Caserta che il CSV Asso.Vo.Ce. offre, su appuntamento, un servizio di consulenza legale sulle seguenti materie:

civilistica

amministrativa

giuslavorista

stragiudiziale

Le consulenze saranno erogate, solo su appuntamento, presso il CSV Asso.Vo.Ce (Via La Rosa, 47 Maddaloni al primo piano della Stazione ferroviaria di Maddaloni Inferiore).

Ogni giovedì pomeriggio, sempre e solo su appuntamento, è possibile richiedere il consulto fiscale del dott. Commercialista Giuseppe Raffone che riceve presso la sede del CSV Asso.Vo.Ce. in Via La Rosa, 47 Maddaloni.

Per fissare un appuntamento è possibile contattare la segreteria organizzativa del CSV Asso.Vo.Ce. al numero 0823-326981

 

MINISTERO PER IL LAVORO E LE POLITICHE SOCIALI

Precisazioni in merito alle tempistiche di adeguamento per la Riforma del Terzo Settore

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha diffuso alla fine di dicembre una nota informativa che chiarisce alcune delle questioni di diritto transitorio collegate all’applicazione del Codice del Terzo Settore, in quanto non sussistono al momento tutte le condizioni necessarie al pieno adempimento dello stesso.

Il legislatore  ha  espressamente  diversificato,  sotto  il  profilo  temporale,  l' efficacia  applicativa  di talune disposizioni: vediamo quindi quali sono i cambiamenti da attuare nell’immediato e quelli che richiederanno ulteriori delucidazioni

  1. Iscrizione al Registro Unico del Terzo Settore e rinnovo delle iscrizioni ai Registri preesistenti.

Per le associazioni costituite prima del  3.8.17, tutto resta com’è (per ora)

L’'articolo  53  del  codice  prevede  che  entro  un  anno  dalla  data  di  entrata  in vigore del codice medesimo (quindi il 3 agosto 2018) sia definita la procedura per l’iscrizione nel Registro Unico del Terzo Settore  e vengano individuati i documenti da presentare e le  modalità di deposito degli atti.

Nei centottanta giorni successivi  all'entrata  in  vigore  del  sopra  menzionato  decreto  ministeriale,  le  Regioni saranno chiamate a disciplinare i procedimenti di propria competenza riguardanti l'emanazione dei provvedimenti di iscrizione e di cancellazione dal  registro  medesimo,  rendendo  operativo  il  registro  entro  sei  mesi  dalla  predisposizione  della  struttura informatica. 

Associazioni  di promozione sociale e Organizzazioni di volontariato hanno già da tempo dei propri registri nazionali (limitatamente alle associazioni di promozione sociale), regionali e delle Province autonome. Cosa succederà?

Non essendo attualmente attivo il RUTS, e alla luce dell’enorme numero di enti che si vedranno costretti ad apportare modifiche al proprio statuto per adeguarlo alla nuova normativa,  vanno attualmente seguite queste indicazioni:

  • Per gli enti costituiti prima del 3.8.2017 (quindi prima che entrasse in vigore il d.lgs.n.117/2017) che intendano iscriversi al Registro Regionale di propria competenza, farà fede la normativa vigente  al  momento  della  costituzione dell'organizzazione.

 I suddetti enti avranno diciotto mesi di tempo dall’entrata in vigore della legge per modificare il proprio statuto, ma prima di allora potranno permanere nelle condizioni attuali.

Ciò varrà anche per le procedure di rinnovo biennale dell’iscrizione al proprio Registro Competente, che per l’anno in corso non subirà modifiche (in altre parole: se il biennio scade nel 2018, i documenti per il rinnovo andranno presentati entro il 30 giugno dell’anno corrente, così come fatto finora).

  • Gli enti costituiti dopo il 3.8.2017 dovranno rispettare quanto previsto dal d.lgs.n.117/2017, con riferimento alla natura giuridica che si sceglie per la propria organizzazione; in altre parole, non si dovranno più seguire le disposizioni della Legge Quadro sul volontariato 266/91 e la Legge 383/00 ("Disciplina delle associazioni di promozione sociale"), in quanto abrogate.

Anche in questo caso il Codice non potrà essere integralmente adottato in ogni sua parte, ma solo nelle disposizioni (si cita) applicabili in via diretta ed immediata.

Facendo un esempio pratico: non sono ancora attuabili le parti del Codice che fanno riferimento al Registro Unico (non ancora esistente), e di conseguenza neppure le norme che avrebbero reso più semplice il riconoscimento della Personalità Giuridica. Da adottare subito, invece, sono le disposizioni di cui agli artt.32 e 35 del codice, riferite alle prescrizioni  attinenti  al  numero  minimo  di   soggetti  (siano  essi  persone  fisiche  o soggetti  superindividuali).

  1. Il Bilancio Sociale e il Bilancio d’esercizio: cosa fare
  • L'articolo 14 prevede per gli enti del Terzo settore di maggiori dimensioni l'obbligo di adottare il bilancio sociale, da redigersi  secondo  linee  guida  da  definirsi  con  decreto  del  Ministro  del  lavoro  e  delle  politiche  sociali,  al termine  di  un  articolato  percorso    Non essendo state ancora delineate le linee  guida, tuttavia,  l'adozione  del  bilancio  sociale  da  parte  degli  enti  del  Terzo  settore  diventa facoltativa.
  • Indipendentemente dal relativo deposito presso il  registro unico nazionale,  tutti  gli enti del Terzo settore sono invece tenuti  alla  redazione  del  bilancio  di  esercizio,  nelle  forme  di  cui  ai  commi  1  e  2  dell'articolo 
  • L'applicazione della  norma  di  cui  all'articolo 14,comma 2,  riguardante   l'obbligo  di  pubblicazione  annuale  sul proprio sito internet degli emolumenti, compensi o corrispettivi, a qualsiasi titolo attribuiti dagli enti del Terzo settore ai componenti degli organi di amministrazione e controllo, ai dirigenti ed ai propri associati dovrà cominciare a trovare attuazione a partire  dal 1ˆ gennaio 2019, con riferimento alle attribuzioni disposte nel 2018, cioè nel primo anno successivo all'entrata in vigore della norma in esame.
  1. ETS, ODV, APS: che sigle usare?

Altra questione rilevante attiene alla denominazione sociale dell'ente e all'utilizzo degli acronimi ETS, ODV, APS.

Per queste ultime due  fattispecie, durante il periodo transitorio, non sorge alcun problema in ordine all'utilizzo dei  relativi  acronimi    da  parte  delle  organizzazioni  che  risultano  iscritte  nei  registri  di  settore,  alla  luce  della clausola di equivalenza contenuta nell'articolo 101, comma 3 del codice. Discorso diverso deve essere fatto per  gli enti non rientranti nelle tipologie particolari sopra indicate o non in possesso della qualifica fiscale di ONLUS.

Poiché la qualificazione giuridica di ente del Terzo settore, discende, tra l'altro, dall'iscrizione nel registro unico Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Generale del Terzo Settore, l'acronimo  ETS,  anche  se  previsto  nella denominazione  sociale,  non  sarà  spendibile  nei  rapporti  con  i  terzi,  negli   atti,  nella  corrispondenza  e   nelle comunicazioni con il pubblico.

Per leggere la nota per intero: clicca qui

 

OPPORTUNITÀ PER ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO

SCADENZA:  23 gennaio 2018 alle ore 18

FONDAZIONE VODAFONE

Bando OSO – Ogni Sport Oltre

Fondazione Vodafone Italia promuove il nuovo Bando OSO – Ogni Sport Oltre per rendere lo sport un'opportunità per tutti.

Il Bando OSO – Ogni Sport Oltre vuole identificare, supportare e finanziare progetti che favoriscano un cambiamento culturale e diano un sostegno efficace alla diffusione della pratica sportiva tra persone con disabilità fisiche, sensoriali, intellettivo-relazionali.

Possono partecipare  organizzazioni  senza scopo di lucro operanti  sul territorio italiano, costituite da almeno due anni e che abbiano esperienza in attività di inclusione e diffusione della pratica sportiva tra persone con disabilità o che vogliano indirizzarsi verso questo obiettivo.

Sono messi a disposizione 2 milioni di euro complessivi.

La richiesta di finanziamento non potrà eccedere l'80% del fabbisogno economico finanziario del Progetto. Alla copertura dell’importo restante dovranno concorrere i soggetti proponenti tramite fondi propri, contributi pubblici e/o privati, donazione di beni necessari alla realizzazione del progetto, linee di credito, etc.

È possibile candidare il proprio progetto entro il 23 gennaio 2018 alle ore 18: il formulario e la documentazione allegata vanno caricati sulla piattaforma: LINK

 

SCADENZA: 15 febbraio 2018

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI – DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTÙ E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

Due nuovi bandi: Giovani per il Sociale 2018 e Giovani per la valorizzazione dei beni pubblici 2018

Nell’ambito del Piano di azione e coesione sono stati pubblicati nei giorni scorsi  due avvisi da parte del Dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale, finalizzati alla realizzazione di attività di inclusione sociale rivolte ai giovani di Calabria, Campania, Puglia, Sicilia e Basilicata.

Le risorse finanziarie stanziate, pari a 14 milioni di euro saranno utilizzate per concretizzare progetti promossi dagli enti del non profit per i giovani.

  • Bando Giovani per il Sociale 2018
  • Giovani per la valorizzazione dei beni pubblici 2018

Per maggiori informazioni: LINK

 

SCADENZA: 23 febbraio 2018

FONDAZIONE CON IL SUD

TERRE COLTE

Fondazione con il Sud, in collaborazione con Enel Cuore Onlus, ha lanciato il bando sperimentale “Terre Colte”, promosso dalla Fondazione CON IL SUD in collaborazione con Enel Cuore Onlus.

L’obiettivo dell’iniziativa è valorizzare i terreni agricoli incolti, abbandonati o non adeguatamente utilizzati in Basilicata, Calabria,Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia, rivitalizzando la tradizione legata all’agricoltura e all’allevamento in queste regioni, anche attraverso l’inclusione sociale e lavorativa di persone in condizione di disagio, offrendo nuove opportunità per i giovani e favorendo l’introduzione di innovazioni tecnologiche e colturali.

A disposizione 3 milioni di euro, di cui 2 milioni messi a disposizione della Fondazione CON IL SUD e 1 milione da Enel Cuore. Le proposte potranno essere presentate esclusivamente online tramite il sito della Fondazione entro il 23 febbraio 2018 da organizzazioni del Terzo settore, in partnership con altre realtà non profit, ma anche con istituzioni, università, enti di ricerca e imprese profit.

Presupposto fondamentale per la partecipazione al bando è che i terreni oggetto di intervento siano concessi dai proprietari a uno o più soggetti del partenariato che propone il progetto, per una durata minima di 10 anni: di questi, i primi 5 dovranno essere a titolo gratuito o simbolicamente oneroso. Le partnership di progetto dovranno essere composte da almeno tre soggetti, di cui almeno due di Terzo settore. Potranno inoltre essere coinvolti il mondo economico, delle istituzioni, dell’università, della ricerca.

Le proposte potranno prevedere, oltre alle attività di coltivazione e di allevamento, iniziative di tipo artigianale, commerciale,sociale, turistico-ricettivo, etc., purché strettamente connesse e accessorie a quelle di carattere agricolo.

Saranno valutati positivamente:

la valorizzazione di terreni abbandonati o non adeguatamente utilizzati, attraverso il recupero di colture e tecniche tradizionali o lo sviluppo di innovazioni tecnologiche volte a migliorare i processi di coltivazione e allevamento;

  • l’attuazione di percorsi finalizzati allo sviluppo delle autonomie e dell’inclusione sociale;
  • la promozione di processi di condivisione e cooperazione della comunità territoriale, in particolare con il coinvolgimento dei giovani e degli agricoltori locali;
  • il contributo per singola proposta è di massimo 500.000 euro.

Le proposte di progetto, corredate di tutta la documentazione richiesta, devono essere compilate einviate esclusivamente on line, entro, e non oltre, le ore 13:00 del 23 febbraio 2018, attraverso la nuova piattaforma CHÀIROS messa a disposizione dalla Fondazione.

Per maggiori informazioni: LINK

 

SCADENZA CANDIDATURE DEI BENI: 30 MARZO 2018 

BANDO STORICO-ARTISTICO E CULTURALE 2017

La Fondazione CON IL SUD promuove la quarta edizione del Bando Storico – Artistico e Culturale, riproponendo la formula sperimentata nella precedente edizione: ovvero chiedendo ai proprietari di immobili inutilizzati di metterli gratuitamente a disposizione della comunità locale per almeno 10 anni e, successivamente, rivolgendosi alle non profit per proposte di valorizzazione dei beni in chiave comunitaria. L’iniziativa, che mette a disposizione 4 milioni di euro, prevede due fasi e interessa i beni immobili di pregio storico, artistico e culturale presenti in Basilicata, Calabria,Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia.

Nel corso della prima fase, amministratori e proprietari dei beni (persone fisiche e giuridiche, enti pubblici e privati) potranno inviare alla Fondazione una manifestazione di interesse con cui si impegnano, tra l’altro, a riservarle l’onere e il diritto di individuare il miglior intervento di valorizzazione del bene e, di conseguenza, di selezionare l’ente del Terzo settore a cui concederanno l’utilizzo del bene per almeno 10 anni.

Potranno essere candidati immobili o porzioni di immobili che non siano già utilizzati o affidati e che siano idonei ad ospitare attività socio-culturali. Potranno essere prese in considerazione le aree archeologiche solo se adattabili allo svolgimento di questo tipo di attività e le chiese,solo se non più adibite al culto.

Sono esclusi ruderi, giardini, parchi, cave, piazze, cimiteri, sorgenti, terreni o altri beni ritenuti non idonei alle attività previste. Le candidature dei beni potranno essere inoltrate fino al 30 marzo 2018. La Fondazione si riserva di chiudere in anticipo il periodo di candidatura qualora fosse raggiunto un numero sufficiente di beni selezionati.

La Fondazione valuterà man mano gli immobili: di quelli ritenuti idonei sarà pubblicata una scheda sul sito www.ilbenetornacomune.it,dando la possibilità alla comunità di condividere idee e commenti.

Nella seconda fase, gli enti del Terzo settore potranno presentare progetti di valorizzazione relativi ai beni selezionati, in un’ottica di uso comune e di restituzione alla collettività degli immobili. Le proposte progettuali potranno essere presentate da partnership composte da almeno tre soggetti, di cui due organizzazioni di Terzo settore, oltre a istituzioni, università, mondo economico e della ricerca. I proprietari dei beni selezionati non potranno aderire a partenariati che presentino proposte di riqualificazione e rivalutazione dell’immobile di cui detengono la proprietà. Le proposte dovranno prevedere interventi capaci di generare concreti effetti positivi, in termini di sviluppo socio-economico, per la comunità locale.

Per maggiori informazioni: LINK


OPPORTUNITÀ INTERNAZIONALI

ERASMUS PLUS

Progetto di mobilità per giovani e animatori giovanili

È  stata pubblicata nelle scorse settimane la Call Erasmus+  2018, il nuovo programma dell’Unione europea per l’istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport.

Entro il 15 febbraio 2018 è possibile presentare progetti di mobilità per giovani e animatori giovanili con progetti di mobilità che prevedono scambi di giovani e attività per animatori giovanili con decorrenza  tra il 1° maggio e il 30 settembre dello stesso anno.

Obiettivo del bando è premiare attività che coinvolgano giovani marginalizzati e promuovano la diversità, il dialogo interculturale, interreligioso ed  i valori comuni della libertà, della tolleranza e del rispetto dei diritti umani;  saranno inoltre valorizzati o progetti che stimolano l'alfabetizzazione ai media, il pensiero critico e lo spirito d'iniziativa dei giovani. sarà dato spazio, infine ad azioni tese ad equipaggiare gli animatori socioeducativi con le competenze e i metodi necessari per trasferire i valori fondamentali comuni della nostra società, in particolare ai giovani difficilmente raggiungibili, e prevenire estremizzazioni violente da parte dei giovani.

Un progetto di mobilità potrà  comprendere una o più delle attività seguenti:

  • Mobilità di giovani: scambi di giovani, che permetteranno a gruppi di giovani di almeno due paesi diversi di incontrarsi e vivere insieme per un massimo di 21 giorni
  • Mobilità degli animatori giovanili, per sostenere lo sviluppo professionale di animatori giovanili attraverso l'attuazione di attività, quali seminari, corsi di formazione, etc…

I progetti potranno essere presentati seguendo le indicazioni riportate a questo LINK.

La prossima scadenza dei Progetti di mobilità per giovani e animatori giovanili è fissata al 15 febbraio ore 12 (mezzogiorno, ora di Bruxelles) per i progetti che iniziano tra il 1° maggio e il 30 settembre dello stesso anno.

Le prossime scadenze in programma sono:

  • 26 aprile ore 12 (mezzogiorno, ora di Bruxelles) per i progetti che iniziano tra il 1° agosto e il 31 dicembre dello stesso anno
  • 4 ottobre ore 12 (mezzogiorno, ora di Bruxelles) per i progetti che iniziano tra il 1° gennaio e il 31 maggio dell'anno seguente

Per maggiori informazioni: LINK

 

CSVNET - AIESEC

Un accordo per ospitare per volontari internazionali in associazioni italiane. Candida la tua OdV!

Il coordinamento nazionale dei Centri di Servizio CSV net ha avviato per il 2018 una collaborazione  strutturale  con  AIESEC  volta all’accoglienza di volontari internazionali in associazioni italiane del terzo settore.

Nell’ambito  del  programma  “Global  volunteer”,  le  associazioni  potranno  avvalersi  per  6-8 settimane  della  presenza  di  giovani  tra  18  e  30  anni  provenienti  da  vari  paesi  del  mondo.

Tale presenza,  nell’ambito  di  sei  specifiche  aree  tematiche  (beni  culturali,  disabili,  anziani,  povertà,  diritti delle donne, ambiente), sarà orientata  a potenziare le attività di educazione e animazione di  giovani.

Possono aderire al programma “Global  volunteer”  sia le associazioni di volontariato che i CSV interessati ad ospitare i volontari AIESEC  compilando il form di iscrizione presente a questo link e indicando le proprie disponibilità.

È richiesta una quota  di  150  euro  +  Iva  per ognuno  dei  volontari  accolti: le associazioni partecipanti dovranno inoltre provvedere autonomamente  alla  copertura  assicurativa  contro  gli  infortuni  e,  se possibile,  all’ospitalità dei giovani  Inoltre,  dovrà essere redatto  un  progetto  sulle  mansioni  dei volontari, per un orario massimo di 25 ore settimanali.

A  metà  e  alla  fine  degli  stage  di  volontariato,  tramite  un  altro  modulo  online  che  sarà diffuso prossimamente,  le  associazioni  e  i  comitati  locali  AIESEC  inseriranno  le  informazioni  necessarie  per  monitorare la qualità dell’esperienza e intervenire se necessario per il suo miglioramento.

Per maggiori informazioni: Presentazione AIESEC – CSVNET


BANDI APERTI

FONDAZIONE SAN ZENO

Contributi per progetti su educazione e lavoro

La Fondazione San Zeno destina contributi a enti e associazioni che intraprendono progetti di scolarizzazione, formazione umana e professionale, lavoro in Europa, Asia, Africa e America Latina.

È possibile presentare domande di contributo, senza scadenza, per progetti con ricadute in ambito educativo e del sostegno all’occupazione presentando una proposta a questo link.

Entro 5 settimane verrà inviata una risposta, anche negativa, via e- mail.

Se l'iniziativa presentata ricadrà nelle attività di azione e interesse, verrà richiesto di formalizzare la richiesta di finanziamento su apposita modulistica e di inviare ulteriori approfondimenti.

Per richieste di informazioni la Fondazione è contattabile via e-mail all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e telefonicamente al numero+39 045 8014825.

https://www.fondazionesanzeno.org

 

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

Servizio civile nazionale: pubblicazione bandi agricoltura sociale per 1830 volontari – scadenza 5 febbraio 2018 ore 14.00

Sono stati pubblicati  due bandi, che si rivolgono all’agricoltura sociale, per la selezione complessivamente di 1.830 volontari da impiegare in progetti di servizio civile nazionale, nell’ambito delle finalità istituzionali individuate dal Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali.

  • Bando per la selezione di 489 volontari di servizio civile che saranno impegnati in 47 progetti.
  • Bando per la selezione di 1.341 volontari da impiegare in 150 progetti di servizio civile per l’attuazione del Programma Operativo Nazionale “Iniziativa occupazione giovani” – PON IOG, (Garanzia Giovani).

In particolare, questo secondo bando è dedicato ai giovani NEET, cioè giovani non occupati e non inseriti in percorsi di istruzione e formazione e si inserisce nelle strategie di contrasto alla disoccupazione giovanile tracciate a livello europeo.

I progetti riguardano sia il settore dell’educazione e promozione culturale – dai temi alimentari a quelli ambientali e della biodiversità – sia il settore dell’assistenza, per favorire l’inserimento lavorativo dei giovani nell’agricoltura.

Le domande di partecipazione, redatte secondo le indicazioni contenute nei due bandi, devono essere indirizzate direttamente all’ente che realizza il progetto prescelto e devono pervenire allo stesso entro e non oltre le ore 14.00 del 5 febbraio 2018.

Per maggiori informazioni: LINK

ATTENZIONE:

Il CSV Asso.Vo.Ce. non ha progetti caricati su questo bando: non potrà quindi accogliere nessuna domanda di partecipazione.

Sarà invece possibile chiedere informazioni su compilazione documenti, sedi disponibili, etc…

 

SERVIZIO VOLONTARIATO EUROPEO

Le proposte con scadenza a gennaio

Si segnalano alcune opportunità di volontariato europeo segnalate su www.serviziovolontarioeuropeo.it con scadenza nel mese di gennaio:

  • SVE in Danimarca all’interno di un istituto scolastico, scadenza 15 gennaio 2018
  • SVE in Danimarca presso un centro culturale, scadenza 15 gennaio 2018
  • SVE in Danimarca presso un laboratorio di biologia marina, scadenza 15 gennaio 2018
  • SVE in Lituania con bambini in età prescolare, scadenza 20 gennaio 2018
  • SVE in Slovacchia per l’organizzazione di attività riservate a giovani e bambini, scadenza 21 gennaio 2018
  • SVE in Spagna per l’organizzazione di attività socio-culturali, scadenza 21 gennaio 2018
  • SVE in Lituania per progetti sociali incentrati sull’arte Ebru, scadenza 21 gennaio  2018
  • SVE in Slovacchia per progetti legati a persone con bisogni speciali, scadenza 21 gennaio 2018
  • SVE in Repubblica Ceca per progetti rivolti a giovani a rischio esclusione sociale, scadenza 26 gennaio 2018

Per altre opportunità: LINK

Lo SVE (Servizio Volontario Europeo) è un programma di volontariato internazionale finanziato dalla Commissione Europea che permette a tutti i giovani legalmente residenti in Europa di età compresa tra i 17 e i 30 anni, di svolgere un’esperienza di volontariato internazionale presso un’organizzazione o un ente pubblico in Europa e nei Paesi dell’area Euromediterranea e del Caucaso per un periodo che va dalle 2 settimane ai 12 mesi.  Le spese di viaggio, vitto, alloggio, trasporto locale, assicurazione sanitaria, corso di lingua e pocket money mensile sono coperti e finanziati dalla Commissione Europea.

 

L’AGENDA DELLE ASSOCIAZIONI

Associazione di volontariato “Doniamo un sorriso”

Il 5 gennaio Cinema per bambini

L’associazione di volontariato “Domiamo un sorriso” di San Felice a Cancello,  a conclusione delle feste natalizie, invita tutti i suoi piccoli amici ad un “pomeriggio di cinema”presso la propria sede, in Via Napoli 423. Le proiezioni partiranno dalle ore 17,30.

Per informazioni e prenotazioni:  locandina