Convegno – Seminario: La Comunicazione sociale: un universo in trasformazione. Il nuovo “alfabeto” del Terzo Settore, tra cambiamenti e continuità.

Santa Maria Capua Vetere c/o Aulario della Facoltà di Giurisprudenza, 5 aprile 2018

La Comunicazione sociale rappresenta da sempre una delle sfide più interessanti per i giornalisti.

Se “la tentazione della storia strappalacrime” appare a volte irresistibile, se non a volte addirittura funzionale al nostro racconto, ad uno sguardo più attento possiamo notare che il Terzo Settore riserva una vitalità sorprendente: storie di rinascita, modelli imprenditoriali vincenti, lotte per i diritti che hanno impatti sull’intera società.

Per questa ragione il CSV Asso.Vo.Ce. ha promosso nell’ambito del Corso di formazione “La Comunicazione Sociale per il No profit. Volontari video maker” il Convegno - Seminario: La Comunicazione sociale: un universo in trasformazione. Il nuovo “alfabeto” del Terzo Settore, tra cambiamenti e continuità.

L’incontro, che si terrà domani 5 aprile 2018 (ore 15,00/19,00) presso l’Aulario di Giurisprudenza in Via Perla a Santa Maria Capua Vetere, è accreditato presso l’ordine dei Giornalisti della Campania, che rilascerà 4 crediti formativi ai propri iscritti che parteciperanno all’iniziativa.

Nel corso dell’iniziativa saranno illustrate dalla dottoressa Giulia Gaudino – direttore del CSV Asso.Vo.Ce. -  alcune delle novità introdotte dalla nuova Riforma del Terzo Settore (Legge Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell'impresa sociale e per la disciplina del servizio civile universale n° 6/16 e il Codice del Terzo Settore 3 luglio 2017, n. 117), che dà – giustamente – spazio alla produzione e scambio di beni e servizi nell’ambito del Terzo Settore e disciplina l’Impresa Sociale, promuovendola come opportunità economica per l’intera comunità.

Un risultato importante che, tuttavia, rende oggi ancora più di ieri acquisire un lessico accurato per definire cosa è Terzo Settore e cosa non lo è. Ciò diventa necessario soprattutto alla luce dei pregiudizi che spesso nascono attorno all’associazionismo, e alle cattive abitudini di qualcuno che portano allo stigma l’intero sistema. Ancor prima delle nomenclature, tuttavia, l’incontro “La Comunicazione sociale: un universo in trasformazione” intende valorizzare quello che invece non è mai cambiato: la buona volontà dei cittadini che donano il proprio servizio agli altri e alla comunità, in maniera completamente disinteressata.

Parleremo di “Comunicazione Sociale”, intesa come quella forma specifica di comunicazione che più di ogni altra è destinata a “costruire comunità” e a produrre effetti positivi sui propri interlocutori, grazie alle esperienze maturate nel corso di formazione “La comunicazione sociale per il no profit. Volontari video maker” promosso dal CSV Asso.Vo.Ce. e dall’esperienza di Stefano Trasatti, ex direttore di Redattore Sociale (prima agenzia per il settore della comunicazione sociale in Italia) e attuale responsabile della comunicazione del Coordinamento Nazionale dei Centri di Servizio CSVnet che introdurrà una relazione dal titolo Tra numeri e retorica: la geografia del terzo settore e le parole per raccontarlo”.

Introduce e coordina il giornalista Antonio Ioele, responsabile del corso di formazione “La comunicazione sociale per il no profit. Volontari video maker”.

Interverranno inoltre: Ottavio Lucarelli, presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Campania; Camillo Cantelli, presidente del CSV Asso.Vo.Ce. ; Marianna Pignata – Alberto De Chiara, docenti della facoltà di giurisprudenza dell’Unicampania; Diana Errico (referente area Comunicazione CSV Asso.Vo.Ce) e Pasqualina Campagnuolo (referente dell’area Ricerca del CSV Asso.Vo.Ce.), autrici della ricerca “Storie di Volontariato”.